A- A+
PugliaItalia
Stefàno e Minervini: "Una giornata triste per la Puglia. Con la natura non si scherza"

Dario Stefàno commenta i fatti disastrosi che travolgono la Puglia dal Gargano fino a Taranto. "Una giornata triste per la Puglia, iniziata con la notizie tragiche provenienti da San Marco in Lamis, a cui va tutta la mia solidarietà. Esprimo un sentimento di gratitudine alla protezione civile, ai soccorritori e ai volontari impegnati nelle operazioni di soccorso".

"Quanto accaduto oggi in quell’area della Puglia a causa del maltempo - aggiunge il parlamentare salentino - ci deve aiutare a ricordare quanto siano importanti la tutela del territorio e un piano di interventi di assetto idrogeologico".

"Quanto accaduto oggi chiama in causa la necessità che il governo nazionale avvii un’opera di manutenzione straordinaria del territorio e di investimenti per la sua messa in sicurezza, che diverrebbe occasione per tutelare e proteggere i territori e le comunità, ma anche per far ripartire l’economia”.

Stefàno conf stampa
 

Ma Stefàno ricorda anche l'altro evento luttuoso: "Rabbia e profonda tristezza per la notizia della tragica morte di Angelo Iodice che ci riporta, con uno schiaffo doloroso, alla necessità di affrontare con urgenza la sicurezza e l'ambientalizzazione dei processi produttivi  come le priorità per Taranto e ILVA. Esprimo un rispettoso cordoglio alla famiglia di Angelo Iodice, che abbraccio simbolicamente ma con un sentimento di solidarietà e vicinanza  autentiche".

Gli fa eco dalle finestre del social-network Guglielmo Minervini, insieme a lui e a Michele Emiliano, in corsa per le primarie relative alla scelta del candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Puglia: "300 millimetri. Avete presente cosa significano 300 millimetri di pioggia in meno di 24 ore? Una valanga d'acqua. Una cosa mai accaduta prima. E, invece, è accaduta. Anzi, ormai, accade".

Minervini CdP1
 

"Il Candelaro è esondato - aggiunge Minbervini - anche questo non era mai accaduto, e pezzi di Monte cedono a frane. Non siamo più dinanzi a eventi eccezionali. Il tempo di ricorrenza si è drasticamente ridotto. E questo significa una cosa precisa: bisogna organizzarsi per gestire l'impatto di fenomeni che tendono a diventare ordinari. Ecco un cambiamento profondo e ineludibile. Ci devi fare i conti".

"Tradotto - precisa l'Assessore regionale - la messa in sicurezza del nostro territorio è la nostra prima vera priorità. Liberare gli alvei delle lame e dei torrenti è questione di sicurezza primaria. Abbiamo la mappa del rischio idrogeologico, dobbiamo solo convincerci tutti che quegli interventi vengono prima di tutte le sagre. Curare le ferite del cemento che hanno dissestato l'ambiente fuori e dentro le città è ormai inderogabile. E, piuttosto che nuove colate di asfalto, bisogna rimettere in sesto la rete stradale esistente che in troppe zone, soprattutto sul Gargano e sui Monti Dauni, è troppo fragile e precaria".

"Infine, la Protezione Civile", segtnala con orgoglio Minervini, "In Puglia ormai funziona molto bene, grazie anche a un volontariato diffuso e qualificato. Rappresenta una pregiata forma di cittadinanza attiva. Ma la Protezione Civile non comincia nella gestione delle emergenze e delle calamità. Inizia negli uffici tecnici comunali quando vengono rilasciano licenze di sfregiare l'ambiente. La Protezione Civile è prendersi cura del territorio. Perché con la natura non si scherza".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
s. marco in lamisgarganopuglianaturapioggedisastri
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.