A- A+
PugliaItalia
Stefano Zamagni: 'La solidarietà autentica e moderna risposta alla crisi'

di Antonio V. Gelormini

L’economista Stefano Zamagni torna a Bari, per una conferenza sul tema “La solidarietà come autentica risposta alla crisi”.

L’iniziativa, organizzata dall’Arcidiocesi di Bari e Bitonto e dalla Luogotenenza per l’Italia Meridionale Adriatica dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, avrà luogo alle ore 18.30, nella sala consiliare di Palazzo di Città.

All’incontro interverranno mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari e Bitonto, e il luogotenente dott. Rocco Saltino. Alla conferenza è prevista inoltre la partecipazione del Sindaco di Bari, Michele Emiliano e dell’assessore allo Sviluppo economico, Rocco De Franchi.

Con l’introduzione nel 2001 del principio di sussidiarietà nella nostra Carta Costituzionale (artt. 118 e 119), l’odissea nello spazio della solidarietà ha varcato le Colonne d’Ercole di un volontariato che sussidia l’ente pubblico, per cui Zamagni deduce che: “E’ tempo di invertire i ruoli. Sia l’ente pubblico a sostenere i soggetti della società civile, per la piena realizzazione degli obiettivi di bene comune”. Un’armonica sintonia con “la solidarietà di fatto” (Tettamanzi), che non si esaurisce nelle intenzioni e nei sentimenti, ma si esprime nella concretezza del vissuto quotidiano. “Perché solidarietà ed etica sono imprescindibili l’una dall’altra.

La solidarietà deve sapersi muovere nella complessità dei cambiamenti e delle difficoltà d’oggi. E l’etica è lo strumento per questo discernimento”. “Soltanto l’etica, infatti, mette l’uomo in condizione di scegliere nella direzione del bene. Solidarietà ed etica insieme, dunque, ci condurranno all’uscita dalla crisi. Non c’è futuro senza solidarietà”.

La “via italiana” del prof. Zamagni, per far fronte alla crisi perdurante, oltre a riportare l’unità di misura “famiglia” al centro delle attenzioni della società, mira a un sostanziale cambiamento dei modelli di sviluppo e dello stile di vita. Evitando le suggestioni effimere della cosiddetta “decrescita”, per combattere piuttosto: “la battaglia a favore della philokalia, dell’amore per il bello, che deve essere a portata di tutti, anche degli ultimi”.

Cambiare il modello di società, per tornare ad un sano umanesimo civile. “In Italia”, insiste Zamagni, “la tradizione della philokalia non ha rivali, ma esige organizzazione: nel nostro, come in nessun altro Paese al mondo, la bellezza non è solo paesaggio naturale, ma anche bellezza artistica, letteraria, pittorica, musicale, teatrale e relazionale.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
zamagnicacuccibaridiocesi bari-bitontoemiliano
i blog di affari
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
DONAZIONI DI SANGUE, AIUTI E PROGETTI PER AGRICOLTURA E BIOGAS
Boschiero Cinzia
Atti fiscali illegittimi: Convegno a Milano il 20 maggio
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.