A- A+
PugliaItalia

Girando, come sovente mi capita di fare, tra eventi culturali e, in particolar modo, presentazioni di nuovi libri, ho avuto l'opportunità d’incontrare e conoscere due “stelle”, astri specialissimi sotto le sembianze di giovani e aggraziate donne, che, a mio parere, brillano, distinguendosi, nel firmamento della poesia e della scrittura in genere.

Citandole in ordine alfabetico, Alessandra Peluso e Maria Pia Romano.

La prima, nata e residente a Leverano (LE), laureata in filosofia, di professione redattrice editoriale e critica letteraria (sul sito web di Affari Italiani.it, il primo quotidiano on line italiano, nella pagina Culture, sono pubblicate circa cento sue recensioni di libri di autori vari), è autrice delle raccolte poetiche “CANTO D’ANIMA AMANTE” edizioni Besa (2009) e “Ritorno Sorgente”, edizioni LietoColle (2013).

La seconda, nata a Benevento ma salentina per discendenza e in tutti i sensi, ha scritto e pubblicato, fra l'altro, i romanzi “Onde di follia”, edizioni Besa (2006), “L'anello inutile” edizioni Besa (2011) e “La cura dell'attesa” edizioni Lupo (2012). Dopo una prima laurea, ha recentemente conseguito il titolo accademico in ingegneria. E’ giornalista dal 2000.  Come professione continuativa, si occupa di uffici stampa.

Alla luce delle opere prodotte, Alessandra e Maria Pia si pongono già alla stregua di autentiche e genuine eccellenze in campo culturale e, v’è da credere, sono destinate a vie più affinare, completare, arricchire e impreziosire la virtù dei loro versi e/o scritti in forma di prosa.

Personalmente, mi sono soffermato, con grande piacere, attenzione e coinvolgimento, sulle suggestive, originali e avvincenti pagine di Alessandra Peluso e Maria Pia Romano; al punto che mi sento di suggerire la lettura dei loro libri.

Al termine di queste brevi note, mi piace allegare un recente scritto “aperto” della Romano, indirizzato alla Peluso:

Lettera ad una poetessa

Sono inciampata per caso nei tuoi versi, in una mattina di marzo in cui il tuo libro mi ha chiamata ed ho sorseggiato le tue atmosfere delicate. Accade così da molto tempo per me, che vivo un presente sgangherato, sospesa da un capo all’altro della Puglia, sempre accelerata verso dove non so, ma incapace di rallentare. Sono diventata allergica alle presentazioni letterarie, ma sono sempre più innamorata delle stanze di carta e le tue, Alessandra, sono un Ritorno sorgente che ha il colore dei tuoi occhi di mare, nelle cui trasparenze si svela un universo dolce, in cui entrare in punta di piedi.

Ti conosco poco, anzi, non ti conosco affatto. Avevo negli occhi il tuo sorriso fresco e il tuo sguardo liquido mentre ti leggevo. I tuoi versi semplici, musicali, mi hanno riportato alla tua armoniosa ed elegante presenza, per tutte le volte che ci siamo incrociate e ci siamo scambiate poche parole e sorrisi accennati.

Il tuo Ritorno sorgente è uno scrigno di emozioni che hanno il sapore dei tuoi anni e dei tuoi rossori, dei tuoi respiri e dei tuoi silenzi, della natura che a volte tace, a volte si fa parola. Onda increspata, finestra sul giorno, tempo lento, certezza deposta e ritrovata nel vento. La tua poesia crescerà con te, quando imparerai ad affilare le parole e ti lascerai attraversare ancora ed ancora dalla vita, quella vita che ora, è giusto così, dona bellezza snodandosi in immagini armoniose.

Tu come me, forse, ti senti nuda non se non indossi il fondotinta, ma se non hai un libro in borsa. Tu sai di cosa parlo quando dico che la poesia è una vocazione ed una dannazione, perché sa aggiustarci il passo nella vita, ma troppo spesso ci costringe ad andare fuori tempo, perché il tempo della vita normale non riusciamo a capirlo.

Tu senti che la poesia chiede sempre un prezzo e ancora non sai dove può condurre, ma te lo spiegherà la tua esistenza, quando non farai domande.

Imparerai, come ho imparato io, che il mondo non aspetta i nostri libri. Che oltre al clamore mondano davvero non c’è nulla e inizierai a ridere di coloro che si affannano per vedersi dedicare un articolo su un giornale. Chincaglierie da farisei, perché conta più un lettore vero di mille adulatori. Sarà allora che ti ripiegherai su te stessa e scriverai le tue poesie più belle, che saranno forse meno dolci e più vibranti. Meno carezze e più schiaffi, nei tuoi versi, immagino di vedere nel tempo di-verso in cui la vita si farà ancora musica dell’anima.

Ma ora è giusto così, lascia andare le mie parole. E lascia che il senso al tuo cammino lo dia la condivisione autentica, il resto verrà da sé.

Il tuo Ritorno sorgente sono i tuoi occhi, liquidi e belli da far paura.

Il verde della copertina, lo sai, non l’ho apprezzato: stride con quello che mi comunichi, quando in silenzio apro le pagine e scopro il tuo mondo.

  

Nella distesa d’erba e vigne

ascolto addensarsi la libertà.

Taccio un gridare lacci lenti,

baratto il poco con la natura umile.

È la primavera che s’imbarazza di colori,

ho gioia semplice di bimbi nell’acqua.

 

Alessandra Peluso, “Ritorno sorgente”, Lietocolle.

 

Maria Pia Romano: Io, ho trovato eccezionalmente bello il suddetto documento, compresi i versi finali che sono opera della poetessa di Leverano.

 

di Rocco Boccadamo

Tags:
romanotalentosalentopelusoscritturarocco boccadamo
i blog di affari
Qua la zampa (nera)! Alla scoperta del miglior prosciutto del mondo
di Riccardo Succi
Covid, in autunno torneranno le restrizioni. E sarà caccia dei non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.