A- A+
PugliaItalia
Ilva 27 agosto tempesta parchi minerali

Ancora nubi sul rione Tamburi di Taranto. Fiom, Fim e Uilm tentano la mediazione sul piano aziendale dell’Ilva per la riqualificazione degli impianti, imposta dall’autorizzazione integrata ambientale. Intanto, ad intentare una causa civile contro il colosso dell’acciaio sono il marito ed i figli della donna che, meno di due anni fa, morì per una grave forma tumorale di carcinoma della cervice uterina.

Al centro delle motivazioni, presentate dall’avv. Fabrizio Giusti, proprio i danni che la sessantenne avrebbe subito a causa dell'inquinamento prodotto dalle strutture dell'area a caldo, a risarcimento dei quali viene chiesta la somma di un milione di euro, cui vanno sommati ulteriori 200mila euro per ciascun familiare della defunta. Ad avvalorare la tesi anche l’opinione della difesa, secondo la quale gli estremi per il risarcimento alla donna, il cui diritto passa agli eredi, ci sarebbero stati già prima della dipartita.

(a,bucci1@ibero.it)

Tags:
tarantoilvatumorefamiglia
Loading...
i blog di affari
Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lotta contro il razzismo, l'ennesimo strumento di controllo del tecnocapitale
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.