A- A+
PugliaItalia
Trivelle in Adriatico: l'Abruzzo chiama la Puglia a far fronte comune

Bruxelles - “La Puglia è sempre stata sin dall’inizio in prima linea nella battaglia contro le trivelle in Adriatico e continueremo ad esserlo. Siamo pronti a mettere in campo qualunque azione, politica e legale, a tutela della bellezza del nostro Mare Adriatico”.

dalfonso 3
 

Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola ha risposto da Bruxelles all’appello del Presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, affinchè si concordi una strategia “unitaria, consapevole, adulta, matura per fare fronte alla minaccia delle trivelle in Mare Adriatico”.

Vendolaprimarie2
 

“Siamo contro l’idea che la ricchezza debba essere cercata scavando tra i fondali del mare Adriatico, la ricchezza è il mare Adriatico, la sua costa. Le multinazionali del petrolio non possono pensare, con la complicità dei governi, di trasformare questa straordinaria storia che è l’Adriatico in una colonia energetica. Penso che noi metteremo in campo tutto quello che possiamo fare, politicamente e legalmente, per impedire lo scempio del mare Adriatico”.

L'occasione è stata colta anche dal presidente del Consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna, che da tempo è in prima linea sulla difesa dell'Adriatico dalle richieste di perforazioni in cerca di petrolio. “Condivido il documento unitario del volontariato ambientalista: via le trivelle off shore dallo ‘Sblocca Italia’, il decreto non può diventare uno ‘Sblocca petrolio’ in mare” ha ribadito il presidente, che annuncia decisioni del Parlamento pugliese.

“Ringrazio la rete delle associazioni, movimenti e comitati di cittadini per la sensibilizzazione che hanno voluto esercitare collettivamente nei confronti del Consiglio regionale e delle Regioni e faccio seguito anche alla lettera aperta che mi ha indirizzato il presidente del gruppo consiliare SeL, Michele Losappio".

"Venerdì 10 ottobre, nella plenaria della Conferenza nazionale delle Assemblee legislative, proporrò ai colleghi presidenti di adottare un nuovo ordine del giorno, che rafforzando quello già approvato il 19 settembre, preveda il ricorso alla Corte Costituzionale contro norme statali che non rispettino la competenza concorrente delle Regioni fissata dalla Costituzione in materia”.

Introna O
 

Martedì 14 ottobre toccherà al Consiglio regionale pugliese, la seduta sarà preceduta dalla Conferenza dei capigruppo, convocata per decidere gli argomenti da trattare e Introna annuncia che “l’Ufficio di Presidenza sottoporrà in quella sede la bozza di un ulteriore ordine del giorno. Nella stessa riunione, verranno presi in esame tempi e modalità di un incontro del Consiglio e del governo regionale con i parlamentari europeo e nazionali".

"Obiettivo di un confronto allargato alle delegazioni parlamentari a Roma e Bruxelles saranno le iniziative da adottare in vista della conversione in legge del Decreto “Sblocca Italia” e le procedure per ottenere da parte dell’Unione Europea l’attesa moratoria dello sfruttamento dei mari per la ricerca e l’estrazione di idrocarburi. Tanto più che alla luce delle dinamiche del mercato mondiale, dove la flessione delle quotazioni del greggio scatenata dai tagli al listino decisi dall’Arabia Saudita, rende sempre meno rimunerativa e conveniente e un’attività costosa come la coltivazione di ‘oro nero’ nei fondali marini".

"E credo di potere affermare a ragione - ha concluso Introna - che il petrolio  che si intenderebbe estrarre della piattaforma sottomarina sudadriatica e ionica, al largo di Puglia, Abruzzo, Molise, Basilicata e Calabria, è di sicuro il più scadente del pianeta, come ripeteva Enrico Mattei, che lo riteneva ‘buono soltanto per asfaltare strade’”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
d'alfonsovendolaabruzzopugliatrivelleadriaticofronte
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.