A- A+
PugliaItalia
Troia, Ingrid progetto europeo L'idrogeno aiuta le rinnovabili

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID (www.ingridproject.eu), il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi di magnesio, del surplus di energia elettrica da fonti rinnovabili, che altrimenti andrebbe disperso.

INGRID Cavalieri1
 

 

Per dimostrare la validità di questo sistema, è stato costruito un impianto sperimentale a Troia (FG), un’area caratterizzata dalla presenza di un numero elevatissimo di impianti eolici e fotovoltaici: infatti, a causa sia dei picchi di produzione, sia dell’attuale insufficiente capacità di trasporto delle reti elettriche, l’energia non può essere direttamente utilizzabile in loco né trasportabile.

 

INGRID sta sperimentando e dimostrando,  in questi mesi - presso l’impianto pilota localizzato a Troia (FG) - una soluzione che consenta l’accumulo (“storage”) di energia rinnovabile generata dagli impianti eolici o fotovoltaici, non direttamente utilizzabile in loco né trasportabile presso altri utenti, a causa della momentanea e ancora  insufficiente capacità di trasporto delle reti elettriche.
 
Le finalità del progetto e il funzionamento dell’impianto dimostratore sono già stati illustrati alla cittadinanza di Troia durante un incontro - o scorso dicembre - organizzato dal Comune di Troia, ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione della Puglia (partner del progetto INGRID), Engineering (coordinatore del progetto).
 

 

Gli esiti della sperimentazione in corso saranno ora presentati presso la Sala Agorà di ARTI (via Giulio Petroni, 15/f.1 a Bari), durante la conferenza internazionale di chiusura del progetto, che ha visto la partecipazione di otto partner da quattro Paesi (Italia, Francia, Belgio e Spagna)Engineering Ingegneria Informatica (LeadPartner), ARTI, e-distribuzione, RSE - Ricerca sul Sistema Energetico e Studio Tecnico BFP per l’Italia; McPhy Energy per la Francia; Hydrogenics per il Belgio e Tecnalia per la Spagna. 

 

INGRID Tondi e Gadaleta
 

L’evento sarà anche l’occasione per dar voce a prestigiosi esperti nazionali, chiamati a discutere delle opportunità offerte dai sistemi di accumulo di energia, per rendere più smart la rete elettrica. 

 

Oltre ai rappresentanti del partenariato di progetto, fra i numerosi ospiti attesi interverranno: Loredana Capone, assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia;  Vito Albino, commissario straordinario di ARTI - Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione; Domenico Laforgia, direttore del Dipartimento dello Sviluppo economico, innovazione, educazione, formazione e lavoro della Regione Puglia; Giuseppe Prettico, ricercatore del Centro di ricerca comune della Commissione Europea; Marcello Capra, delegato del Ministero dello Sviluppo economico al SET Plan e al Programma Horizon Energia; Leonardo Cavalieri, sindaco di Troia (FG). 

 

Ingrid ARTI
 

 

Previa prenotazione, è prevista anche la partecipazione a una visita guidata al dimostratore, per vedere dal vivo il funzionamento dell’impianto. Anche questo evento è organizzato da ARTI, in collaborazione con tutti i partner di progetto. La partecipazione all’evento e alla visita al dimostratore di Troia sono gratuite, ma è necessario registrarsi scrivendo a eventi@srlstrade.it

INGRID3
 

 

Il progetto INGRID 

 

L’accumulo di energia sta diventando una questione cruciale per bilanciare e integrare grandi quote di energia rinnovabile intermittente e migliorare l’efficienza e l’affidabilità della rete elettrica. Lo stoccaggio di idrogeno rappresenta una strada percorribile per aumentare l’offerta di energia a emissioni zero grazie alla sua elevata densità e reversibilità.

 

Il progetto europeo di ricerca INGRID ha l’obiettivo di dimostrare come e in quale misura le più recenti tecnologie ICT per il monitoraggio in tempo reale delle reti di distribuzione intelligenti, unitamente alle potenzialità connesse allo stoccaggio di idrogeno allo stato puro, consentiranno l’integrazione delle rinnovabili nel bilanciamento della domanda e dell’offerta di energia. 

Ingrid5
 

Il sistema proposto da INGRID consente di accumulare, tramite moduli solidi di magnesio ricchi di idrogeno, il surplus di energia da fonti rinnovabili, che altrimenti sarebbe disperso, per re-immetterlo nella rete elettrica nei momenti di minore produzione, o per utilizzarlo in contesti in cui il trasporto di energia risulta difficile, oppure per utilizzarlo direttamente come combustibile a zero emissioni.

L’impianto pilota per l’accumulo di energia tramite idrogeno allo stato solido, che INGRID ha realizzato a Troia, ha l’obiettivo di dimostrare in quali condizioni di mercato e con quali politiche ottimali di gestione e di controllo l’accumulo di energia a idrogeno può essere reso disponibile su larga scala. 
INGRID Bertoncini4
 
 

A tal proposito è stato costruito a Troia (FG) un impianto pilota da 39MWh di INGRID costituito da un elettrolizzatore da 1.2MW, un sistema di accumulo dell’idrogeno solido, una cella a combustibile e sistemi ICT di monitoraggio e controllo in tempo reale.

 

Sfruttando l’energia solare ed eolica, l’idrogeno prodotto dall’elettrolizzatore in forma gassosa viene assorbito da dischi di magnesio, che formano composti stabili con l’idrogeno chiamati idruri di magnesio e consentono di conservarlo in forma solida. In questo modo, l’idrogeno può essere trasportato in maniera sicura e messo a disposizione di utilizzatori industriali, oppure può essere estratto dai dischi di magnesio e utilizzato come combustibile a zero emissioni per la mobilità elettrica. Inoltre, grazie alla cella a combustibile, l’idrogeno accumulato può essere nuovamente convertito in energia elettrica e re-immesso nella rete quando le condizioni di carico lo consentono.

 

Ingrid
 

Attraverso INGRID, la combinazione tra le più avanzate tecnologie ICT per il monitoraggio in tempo reale delle reti di distribuzione intelligenti e lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido - tramite dischi di magnesio - consentiranno l’integrazione delle rinnovabili nel bilanciamento della domanda e dell’offerta di energia, Con vantaggi dal punto di vista ambientale ed economico.

 
L’evento si colloca dunque nell’ambito del progetto di ricerca INGRID (www.ingridproject.eu), co-finanziato dal 7° PQ dell’Unione Europea e sviluppato da un consorzio di 8 partner provenienti da Belgio, Francia, Italia e Spagna (Engineering Ingegneria Informatica - coordinatore, McPhy Energy, Hydrogenics, Tecnalia, RSE, e-distribuzione, ARTI, Studio Tecnico BFP).
 

Ulteriori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito ufficiale www.ingridproject.eu o sul sito di ARTI www.arti.puglia.it/progetti-internazionali/ingrid 

 
(gelormini@affaritaliani.it)
 
Tags:
troia foggia ingrid energia rinnovabili idrogeno progettoleonardo cavalierisindaco arti
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
FINANZIAMENTO SOCI - RINUNCIA DEI SOCI ALLA RESTITUZIONE - TASSABILITA'
Referendum, guardate le facce di chi inneggiando al popolo l'ha sempre fregato
L'opinione di Maurizio De Caro
Milano Fashion Week. Al Don Lisander la collezione Stelian Mosor domenica 27
Paolo Brambilla - Trendiest
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.