A- A+
PugliaItalia
precari1 hp 2
 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

L’Università degli Studi di Bari Aldo Moro attraversa un momento storico ed economico drammatico. È indispensabile che vengano posti in essere interventi che permettano all’Ateneo di “non chiudere” e di “non licenziare” lavoratori, “BUTTANDO PER STRADA” LE LORO FAMIGLIE.

È grave e preoccupante la condizione lavorativa e sociale della categoria del personale tecnico amministrativo a tempo determinato, anche alla luce dell’attribuzione a ciascuna Università del contingente di spesa disponibile per l'anno 2013 espresso in termini di “Punti Organico”, che non è sufficiente.

Il blocco delle assunzioni negli ultimi anni “ha costretto” l’Università, per sopravvivere, a ricorrere a contratti di lavoro a tempo determinato, con investimento in risorse umane e materiali nei confronti di personale che è stato formato, ha acquisito competenze professionali ed ora possiede il “know how” indispensabile e necessario a garantire il funzionamento di questa Amministrazione. Dette capacità e competenze, se non mantenute e valorizzate, andrebbero perse definitivamente, cagionando una insensata perdita sul profilo economico, professionale ed umano.

UniBa
 

All’inesistenza di potere assunzionale si aggiunge la ghigliottina della Legge 122/2010, che impone un limite di spesa per il reclutamento di personale a tempo determinato, tale da non permettere il mantenimento in servizio di unità lavorative.

Siamo, infatti, alla vigilia della scadenza (31.12.2013) dei contratti - a volte con servizio ultradecennale - di 60 unità di Personale T.A. precario, “trascurate”, per adoperare un eufemismo, dall’Università di Bari.

Esse non possono continuare ad essere ignorate, bisogna evitare ulteriore “sofferenza amministrativa” all’accademia barese e disperazione sociale e professionale a tante lavoratrici e lavoratori.

Siamo alla vigilia dell’incontro a Napoli tra il ministro Carrozza e i Rettori del sud, previsto il giorno 28 novembre.

Stanno per “finire per strada” oltre 60 famiglie, non intervenendo verrà colpito il sistema dell’istruzione, il territorio e “l’indotto”, mettendo in discussione anche l’efficienza dei servizi e la garanzia del diritto allo studio.

.Il Coordinamento del pers. T.A. precario Uniba

Iscriviti alla newsletter
Tags:
precariuniversitàbariappello
i blog di affari
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
Il banco vuoto
Pierdamiano Mazza
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.