A- A+
PugliaItalia
Xylella, Blasi: “Incomprensibile l'atteggiamento del Comune di Lecce”

Una nota del consigliere regionale del Pd Sergio Blasi sulle reazioni locali al problema della xylella fastidiosa, che continua a colpire gli ulivi del Salento:

“Il problema del disseccamento rapido dell’ulivo va affrontato in uno spirito di coesione istituzionale e di collaborazione tra Comuni, Regione e Ministero, oltre che con il rispetto dovuto alle associazioni e ai cittadini, i quali chiedono giustamente che si intervenga con prudenza su un simbolo dell’identità salentina come è l’ulivo.

Per questo mi sento di stigmatizzare la presa di posizione del Comune di Lecce contro le altre istituzioni che stanno – finalmente – lavorando in maniera concorde per arginare il fenomeno. Non credo che, oggi, strombazzare la richiesta, con un apposita deliberazione del Consiglio comunale, di sospendere il Piano Silletti sul territorio di Lecce sia una mossa saggia. Anche perché gli iniziali timori in merito a una eradicazione a tappeto o ad una pioggia di pesticidi sono stati ampiamente ridimensionati, anche grazie a una azione politica che si è fatta carico delle preoccupazioni degli ambientalisti e delle richieste degli olivicoltori.

ulivo affetto da Xylella fastidiosa 2
 

Proprio ieri il ministro Martina ha annunciato un provvedimento del governo per la proclamazione di stato di calamità naturale, il che comporterà il ristoro per gli olivicoltori che dovranno affrontare spese o acconsentire all’eradicazione selettiva degli ulivi che senza ombra di dubbio saranno considerati infetti o già distrutti dal Codiro. Anche per questo collocarsi oggi come istituzione su posizioni di chiusura sul Piano è una mossa incomprensibile.

Servono proposte, invece: un anticipo dal Piano di Sviluppo Rurale e un lavoro congiunto dei nostri rappresentanti istituzionali a Bruxelles per battere i pugni sul tavolo e chiedere misure e risorse necessarie per implementare la ricerca scientifica sul Codiro, che è il vero tema su cui bisognerebbe concentrare gli sforzi. Abbiamo bisogno di questo, ma, e lo dico in tono volutamente polemico, l’europarlamentare di riferimento della maggioranza del Comune di Lecce, Raffaele Fitto, non sembra ad oggi essersi accorto di quanto accade nella sua terra, occupato, come è noto, in beghe di partito.

Fitto eu3
 

C’è da chiedersi cosa lo abbiano mandato a fare a Bruxelles.

L’attenzione che in questi giorni l’olivicoltura salentina sta catalizzando è l’occasione per dare il la a una nuova strategia nazionale per l’olio extravergine di oliva, che sia frutto della collaborazione istituzionale e del coinvolgimento dei produttori e dei consumatori di questo prodotto di eccellenza dell’agricoltura salentina. Per farlo serve riflessione e collaborazione, non chiusure e prese di posizione dal sapore strumentale.

Il governo cittadino di Lecce, reduce da una gestione disastrosa della candidatura a Capitale Europea della Cultura, torni a ragionare nei termini della serietà delle iniziative che prende.

Mi spiace che anche l’opposizione, per ciò che riguarda l’odg di richiesta del blocco del Piano Silletti, non abbia ravvisato la strumentalità della proposta”.

Tags:
xylellablasilecceatteggiamento
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.