A- A+
Roma
A Campo Marzio la messa in onore degli artisti: liturgia con musiche di Mozart
Advertisement

Nella chiesa rettoria di Sant’Ignazio di Loyola in Campo Marzio, il 18 febbraio, in occasione della memoria liturgica del Beato Angelico, patrono degli artisti, il cardinale vicario Angelo De Donatis presiederà la Messa delle ore 18.30; la celebrazione sarà animata dalla Cappella Augustea del Conservatorio Santa Cecilia di Roma diretta da Federico Del Sordo, che eseguirà la Missa brevis K 192 di Mozart.

 

Al termine della Messa, alle ore 20.15, si terrà nella stessa chiesa un incontro dedicato al genio di Salisburgo, dal titolo “Il ‘divino’ Amadeus e la grazia della fede. L’ultimo anno della vita di Mozart”. Interverranno monsignor Andrea Lonardo, direttore del Servizio per la cultura e l’università della diocesi di Roma, e Francesco d’Alfonso, dello stesso Servizio diocesano. “Ma noi parleremo pochissimo – ci tiene a sottolineare monsignor Lonardo – perché sarà Mozart stesso a parlare attraverso la sua arte”. Una sorta di “lezione-concerto”, dunque, organizzata nel 250° anniversario del viaggio del compositore a Roma, durante il quale visitò anche la Cappella Sistina.

I musicisti Antonio Maria Pergolizzi, al pianoforte, ed Ermanno Veglianti, al clarinetto, con le voci del soprano Stella Alonzi e del tenore Domingo Pellicola, eseguiranno alcuni brani dal Concerto per clarinetto e orchestra K622, dal Die Zauberflöte, dalla Messa in do minore K427, dalla Messa da Requiem, l’Ave verum corpus K618. Gli attori Paolo Sangiorgio e Davide Fasano, allievi dell’Accademia nazionale d’arte drammatica “Silvio D’Amico” di Roma, diretti da Andrea Giuliano, metteranno in scena la pièce “Mozart e Salieri”, di Aleksandr Puškin, nella quale l’autore immagina che il compositore italiano abbia avvelenato il suo rivale salisburghese.

“Di Mozart si nasconde spesso la serietà del lavoro – osserva monsignor Lonardo –, lo si immagina quasi come un bambino giocherellone; l’opera teatrale di Puškin serve a mostrare come si sia creata una leggenda non vera, il cui unico elemento di verità resta la grandezza di Mozart. Di un artista come lui è stato facile dare un’interpretazione massonica, ma in realtà aderì in tarda età alla massoneria perché non aveva soldi, e così era certo di riuscire ad ottenere più ingaggi. Invece è evidente una sua reale adesione alla fede”.

“Verranno eseguite tutte composizioni di Mozart del 1791 – sottolinea d’Alfonso – tranne 'Et incarnatus est' della Messa in do minore, che abbiamo voluto però inserire perché è importante per capire l’animo profondamente religioso di Mozart. La scrisse infatti senza alcuna commissione, per ringraziare Dio per i numerosi doni che aveva ricevuto, pensata per sua moglie Constanze che era un soprano”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    campo marziomozartpatrono degli artistibeato angelico18 febbraiocardinale vicariovicario de donatisangelo de donatis
    Loading...







    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    ”Renzi è una tigre di carta”. Il “vecchio” Bettini dà la linea a Zingaretti

    ”Renzi è una tigre di carta”. Il “vecchio” Bettini dà la linea a Zingaretti

    i più visti
    i blog di affari
    Trapianti d'organo: una lezione di vita, di quelle che ti cambiano dentro
    di Angelo Maria Perrino
    Trapianti d'organo, "chi dona vive 2 volte". I rapporti umani oltre l'ospedale
    di Giusi Urgesi
    La politica? Ridotta a mera governance: serve solo a rassicurare i mercati
    di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.