Advertisement
A- A+
Roma

Il Sindaco Ignazio Marino e l’Assessore al Bilancio Daniela Morgante hanno condiviso la decisione di interrompere la loro collaborazione. Ma dietro le parole si cela tutta la rabbia del primo cittadino dopo l'ennesima bufera che si è abbattuta sui conti del Campidoglio.
Ignazio Marino avrebbe dovuto presentare alle parti sociali le novità del bilancio 2014, ma l'incontro previsto per giovedì è stato rinviato: nei conti preparati dalla Giunta non erano state contabilizzate spese per oltre 60 milioni di euro. Un nuovo buco che ha gettato un'ombra cupa sull'incontro in Campidoglio della cabina di regia del Salva-Roma: alla riunione non aveva preso parte l'assessore al Bilancio Daniele Morgante, la principale indiziata del macroscopico errore scoperto dalla task force di palazzo Senatorio impegnata nel rifare tutti i conti delle spese del Comune. Il gelo del Sindaco nel commentare la sua assenza è stato più di una conferma sulle difficoltà che sta vivendo la Giunta.

Passano poche ore e le dimmissioni dell'assessore Morgante vengono ufficializzate. La delega al bilancio viene assunta dal stesso Ignazio Marino che congeda il magistrato della Corte dei Conti: “Il contributo di Daniela è stato prezioso e ha consentito a Roma Capitale di ritornare su binari virtuosi, a partire dall’approvazione del bilancio di previsione 2013". Sì, perchè invece per quello 2014 i conti sono tutti da rifare.
Il nuovo buco, come confermato dall'assessore alle attività produttive Marta Leonori, ha rimesso in discussione tutto il lavoro fatto fino ad ora sul bilancio previsionale 2014, un lavoro che avrebbe dovuto andare di pari passo con il piano di rientro triennale concordato con il Salva-Roma. Ma ora sarà tutto da rifare.
Di una vera e propria barzelletta parla il segretario della Cisl di Roma e del Lazio Mario Bertone, nel suo intervento all'assemblea con i lavoratori comunali e delle aziende del Gruppo Roma, al Teatro Eliseo. A dargli manforte è il segretario della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino che non usa mezzi termini: "Credo sia arrivato il momento di dire che o la Giunta ritrova una spinta propulsiva o è bene che questa esperienza si fermi". Il segretario sindacale annuncia battaglia se non verà riaperto il tavolo di confronto, una battaglia che vedrà i tre sindacati confederali unire gli sforzi, come dichiarato dal leader della Uil di Roma e del Lazio Pierpaolo Bombardieri: "Oggi parte un percorso di coinvolgimento delle nostre categorie e dei nostri lavoratori e di mobilitazione, che si svilupperà con una serie di assemblee in attesa di capire quale sarà il modello che il Comune di Roma presenterà per la città e se arrivare a momenti decisivi che prevedono il blocco della città".

Tags:
cgilcislbilanciomorgantegiunta marino
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Raggi contro Lombardi: le due papesse M5S in rotta sulle elezioni a Roma 2021

Raggi contro Lombardi: le due papesse M5S in rotta sulle elezioni a Roma 2021

i più visti
i blog di affari
Coronavirus, analisi di un medico dell'emergenza operativo in pronto soccorso
di Giusi Urgesi
Coronavirus e openness cosmopolita? Risultato: libera circolazione dei contagi
di Diego Fusaro
Italia. Riforme che non possiamo più rimandare. Intervista ad Alessia Potecchi
di Paolo Brambilla - Trendiest

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.