A- A+
Roma

Ha solo 16 anni, ma le regole del “mestiere” le aveva ben chiare. Gli stessi poliziotti sono rimasti stupiti quando nel fermarlo hanno ritrovato in tasca dei suoi pantaloni il coltello a serramanico con cui poco prima aveva scippato una donna in via Sannio. Ma l'inesperienza lo ha tradito quando, accortosi della Polizia, aveva cercato una via di fuga all'interno della Stazione Metro di San Giovanni: per gli agenti è stato facile metterlo in trappola ed arrestarlo.

POLIZIA VOLANTE

Quello del 16enne però non è stato l'unico arresto combinato a minorenni nel corso delle ultime ore, indice che quello delle baby gang è un fenomeno in continua crescita. I primi a finire in manette sono stati tre minorenni che domenica pomeriggio in via Prato della Signora, dopo essersi avvicinati ad un anziano signore, l’hanno rapinato della catenina in oro che portava al collo. Quando gli agenti del Commissariato Salario sono arrivati sul luogo del reato, sono riusciti a bloccare uno dei tre giovani che, interrogato, ha permesso di rintracciare anche gli altri due. L’anziano signore, che ha riportato lesioni guaribili in 7 giorni, ha presentato la denuncia presso gli uffici del Commissariato, dove gli agenti gli hanno restituito la collana ritrovata nascosta in una scarpa di uno dei minori. Arrestati per rapina, i tre sono stati accompagnati in un centro di prima accoglienza.
La più giovane ad essere fermata ha addirittura solo 14 anni: nomade, insieme ad altre 3 ragazze rom, aveva cercato di rubare la borsetta ad una donna all'interno di una stazione delle Metro B: nel tentativo poi di scappare, ha spinto la donna facendola cadere a terra. La giovane è stata rintracciata dagli agenti del Commissariato Viminale che dopo averla arrestata per tentata rapina, l’hanno accompagnata presso un centro di prima accoglienza. La vittima invece che ha riportato la lussazione della rotula, guarirà in 20 giorni.
Sempre per rapina, è stato arrestato B.S., un moldavo di 32 anni con vari precedenti di Polizia, “pizzicato” mentre armeggiava all’interno di un’autovettura in via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Quando ha visto i poliziotti, ha cercato di scappare e quando è stato raggiunto in viale Giulio Cesare, l’uomo ha reagito con violenza colpendo uno degli agenti facendolo sbattere contro un palo di un semaforo. Ripreso l’inseguimento dell’uomo, gli agenti sono riusciti a bloccarlo poco dopo in via Fabio Massimo. Addosso aveva una borsa dove nascondeva una autoradio, alcuni cacciavite ed un taglierino. La refurtiva asportata dall’auto dove l’uomo stava rovistando, è stata restituita al legittimo proprietario.
 

Tags:
baby rapinatoripoliziacoltello a serramanico
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Parioli, regista adescava baby aspiranti attrici e le violentava: 8 le vittime

Parioli, regista adescava baby aspiranti attrici e le violentava: 8 le vittime

i più visti
i blog di affari
Scuola, "Mia figlia si è fatta male, posso chiedere i danni all'istituto?"
di Dott. Francesca Albi *
Migranti, "porti aperti" dicono i nuovi schiavisti supportati dalla sinistra
Di Diego Fusaro
La comunicazione politica influenzata dal populismo degli elettori
Daniele Salvaggio, Imprese di Talento

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.