A- A+
Roma

Ci sono trent'anni di misteri, centinaia di verbali di udienze e cassetti polverosi in cui candenzialmente vengono alla luce nuove prove del sequestro di una ragazzina di 15 anni sparita nel nulla dopo essere uscita dalla scuola di musica. Sul caso di Emanuela Orlandi si sono scritte pagine di storia, ma le ultime rivelazioni che giungono proprio alla vigilia dell'anniversario della scomparsa della cittadina vaticana aprono scenari inediti.


“Lo Stato Vaticano è completamente estraneo nei suoi vertici”. Ad affermarlo ai microfoni di Roma Uno è Marco Fassoni Accetti, l'uomo che nei mesi passati si è autoaccusato di aver preso parte al sequestro facendo parte di un “nucleo di controspionaggio” capace di condizionare i vertici d'Oltretevere. “Del nostro gruppo  - afferma intervenendo alla trasmissione Metropolis condotta da Valentina Renzopaoli - facevano parte laici e pochissimi ecclesiastici che facevano pressioni per influenzare la politica dell’allora Consiglio degli Affari Pubblici della Chiesa. In questa attività eravamo supportati non da agenti ma da fiancheggiatori, in particolare di soli due membri della Stasi operativi su Roma, di cui una ragazza”.
Degli agenti dell'organizzazione di spionaggio della Germania Est avrebbe fatto parte una “donna giovane, bionda, il cui nome in codice sarebbe Ulrike“ - continua Accetti - Io sono pentito di quello che ho fatto. All’epoca ero un’altra persona, oggi non rifarai le stesse cose”. Il sequestro di Emanuela, figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia sarebbe quindi maturato nell'ambito degli affari Vaticani con l'Est europa. Accetti ha spiegato anche le modalità con cui sarebbe avvenuto il sequestro: “fatto con tecniche diverse, attraverso l’inganno, in modo da far credere a Emanuela che il padre fosse sotto ricatto perché, per certi comportamenti nei quali era assolutamente estraneo e innocente, aveva indirettamente potuto collaborare con i fatti dell’attentato”.
Luce anche sul legame con la sparizione di Mirella Gregori, una ragazzina coetanea di Emanuela sparita anche lei nel nulla poco più di un mese prima, dopo essere uscita dalla sua casa di via Nomentana per incontrare alcuni amici a Porta Pia. Un doppio sequestro frutto della stesso ricatto che ha visto coinvolte anche alcune altre conoscenti delle due ragazze scomparse. “C’era una compagna di scuola di Mirella Gregori, un’amica della Gregori, una compagna del convitto di Emanuela Orlandi e altre due amiche dell’Orlandi – dichiara Fassoni Accetti - in tutto cinque o sei ragazze coinvolte”.
In questa inchiesta infinita, gli inquirenti si trovano ad aver a che fare con una marea di dettagli e moventi verosimili come mai prima di ora. Nell'attesa che verità e giustizia facciano il loro corso il fratello di Emanuela, Pietro Orlandi, ha rivolto un appello al Santo Padre affinché partecipi alla fiaccolata di preghiera che sabato sera partirà dalla chiesa di Sant'Apollinare per concludersi in Piazza San Pietro. Una marcia silenziosa per “riportare Emanuela a casa”.
 

Tags:
emanuela orlandiroma unomarco fassoni accetti



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Green Pass, il lasciapassare per i sudditi del capitalismo terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
IniziAMO la scuola. PuliAMO il mare
Dem su ius soli e Zan. Ma Prodi ora corregge Letta


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.