I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Accertamenti fiscali senza contraddittorio: nulli solo in Europa

Con ordinanza n.14319 del 25 maggio scorso, la Cassazione ribadisce la nullità degli accertamenti “a tavolino” (ossia quelli basati su documenti chiesti al contribuente e senza confronto col Fisco) ma solo per l’IVA mentre risultano pienamente legittimi per le imposte nazionali (come l’Irpef o l’Irap). Partite Iva Nazionali denuncia in Parlamento: “Situazione paradossale”.

A seguito dell’ennesima pronuncia della Suprema Corte che non riconosce il diritto dei contribuenti al confronto preventivo col Fisco (causa portata avanti in Cassazione dai legali di Partite Iva Nazionali, gli Avv.ti Matteo Sances e Sergio Patrone) è intervenuto il Presidente di PIN, Antonio Sorrento, il quale dichiara “I contribuenti si trovano in una situazione a dir poco paradossale.

 

Nonostante lo Statuto dei Diritti del Contribuente (legge n.212/2000) preveda ormai da anni la necessità di cooperazione e buona fede tra Fisco e contribuenti, ci troviamo di fronte a un’Amministrazione che emette accertamenti a tavolino senza neanche confrontarsi con i cittadini. Ma non basta!!! I Giudici della Cassazione nell’Ordinanza n.14319/21 (liberamente visibile su www.partiteivanazionali.it/RASSEGNA_STAMPA.html ) ribadiscono che tale comportamento comporta l’annullamento dell’accertamento solamente in caso di contestazioni Iva mentre risulta legittimo per le imposte nazionali. Riteniamo che tutto ciò non sia normale e per questo abbiamo proposto in Parlamento la petizione n. 867 del 6 luglio scorso intitolata <Disposizioni urgenti a tutela dei contribuenti in materia di accertamenti fiscali cd. a tavolino> (visibile sul sito del Senato  http://www.senato.it/leg/18/BGT/Schede/docnonleg/42781.htm ). Tale attività si va ad aggiungere alle proposte di modifica del Redditometro formulate insieme a Movimento Consumatori nelle settimane scorse e per le quali attendiamo la convocazione in questi giorni in Senato”.

Interviene sul punto anche l’Avv. Sances, il quale fa presente che “Da tempo cerchiamo di promuovere con le istituzioni un rapporto diverso tra cittadini e Fisco, basato su maggior dialogo e collaborazione; ecco perché anche dalla Suprema Corte di Cassazione ci saremmo aspettati uno slancio in tal senso… Indubbiamente questa ordinanza non va in questa direzione ma andiamo comunque avanti”.

Ringraziamo dunque i professionisti di Partite Iva Nazionali per il loro costante impegno a tutela delle imprese.

Commenti
    Tags:
    #accertamentifiscalinulli #pin #avvsances #avvpatrone #antoniosorrento
    in evidenza
    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    Costume

    Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

    Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.