A- A+
Il Sociale
auschwitz

Una brutta frase, ancora più tremenda perché detta a una allieva di origini ebraiche: "Se fossi stata ad Auschwitz saresti stata attenta". La studente era "rea" di essere distratta da un forte mal di testa. Alle parole dell'insegnante, la classe prima resta sbigottita, poi prende le difese della compagnia: "Professoressa lei è razzista". La preside ha aperto un'istruttoria.

"Non sono antisemita, ma nella scuola italiana non c'è più la disciplina di una volta" ha tentato, come racconta il quotidiano "La Repubblica", di difendersi l'insegnante. Niente da fare: tre alunni, fra cui la studentessa offesa, hanno minacciato di disertare le lezioni. E la faccenda è finita davanti alla preside della scuola.

Convocata l'insegnante, l'alunna e la madre di quest'ultima, si è quindi tentato di arrivare a un chiarimento: "Ho detto quella frase per indicare un posto organizzato, dove regna l'ordine" ha provato nuovamente a spiegare la professoressa, riuscendo però solo a radicalizzare ancora di più le contrapposte posizioni. Anche la Comunità ebraica romana è intervenuta, provando a far incontrare nuovamente le parti: ma alla fine, fra toni sempre più tesi e la minaccia di portare la questione di tribunale, la professoressa, in considerazione anche di un vecchio incidente, ha deciso di mettersi in malattia, in attesa della ormai prossima pensione.

Per i compagni di classe della ragazza è arrivato intanto il plauso della Comunità ebraica di Roma: "La cultura di questi ragazzi che sconfigge l'indifferenza - ha detto Riccardo Pacifici, presidente della Comunità - credo che meriti di essere premiata, come accade ogni 27 gennaio al Quirinale. Come Comunità ebraica ci faremo promotori di segnalare questo splendido episodio di altruismo alla Presidenza della Repubblica".

Tags:
auschwitzromaebrei

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.