A- A+
Il Sociale
spesa supermercato

Gara di solidariera' nella provincia di Bergamo per la coppia di quarantenni di Caravaggio, disoccupati e con cinque figli tra uno e 11 anni, fermati l'altro giorno dopo aver cercato di rubare cibo e vestiti in un supermercato di Treviglio.

Da quando la loro storia e' stata resa pubblica in molti hanno chiamato i giornali locali per offrire un aiuto: un imprenditore dara' loro 200 euro al mese per 6 mesi, un operaio si scalera' 50 euro dallo stipendio e ha promesso che chiedera' al suo datore di lavoro un posto per uno dei due, qualcuno ha offerto un carrello della spesa pieno e anche una coppia di pensionati li aiutera' spiegando di sentirsi in dovere di intervenire avendo 4 nipoti.

La coppia vuole mantenere l'anonimato per proteggere i figli, ma ha reso noto il proprio Iban (IT 84 H 03336 11111 0000 0000 9584) per chi volesse inviare degli aiuti.

Pochi giorni fa i due coniugi, albanese lui e originaria di Varese lei, hanno tentato di rubare circa duecento euro di merce tra abiti e generi alimentari. Fermati dalla polizia intervenuta alle casse del supermercato della catena Pellicano, i due hanno raccontato di averlo fatto perché hanno entrambi perso il lavoro da poco e a casa hanno cinque figli che non sanno come sfamare.

Sentita la storia, i due quarantenni non sono stati arrestati ma solo denunciati dalla polizia. E ora è partita la gare di solidarietà.

Tags:
bergamogenitori disoccupatitrevigliosolidarietà

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.