A- A+
Il Sociale
E per far piacere a Putin Coca-Cola vieta la parola "gay"

I rubli valgono diritti. Coca-Cola, sponsor ufficiale dei giochi di Sochi, è al centro di una polemica che incrocia le discusse leggi anti-omosessualità del governo russo. Una delle iniziative promozionale lanciate dal colosso di Atlanta permette di inviare una lattina virtuale personalizzata a un amico: l'utente può scrivere un nome e spedirla via web. Peccato che possa scrivere di tutto, trane la parola "gay".

Le proteste, partite dai movimenti per i diritti degli omosessuali, sono arrivate alla Coca-Cola. Con l'effetto di correggere l'imbarazzante errore? No: piuttosto che lasciare la libertà di scrivere "gay", la multinazionale ha preferito fermare l'intera promozione.

 

Tags:
coca-colagaysochi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.