A- A+
Il Sociale
Il 35% dei ragazzi tra 20 e 24 anni non studia e non lavora

In Italia il 35% dei giovani di eta' compresa tra i 20 e i 24 anni sono "neet", ovvero giovani "che non sono impegnati nello studio, nel lavoro o nella formazione". È quanto emerge dal Rapporto 'Education at a glance 2015', l'annuale pubblicazione Ocse che analizza i sistemi di istruzione dei 34 Paesi membri, presentato oggi al ministero dell'Istruzione.
 
La partecipazione all'istruzione post secondaria e terziaria, spiega il rapporto, effettivamente "ha avuto scarso effetto nel limitare l'aumento dei giovani neet". La prospettiva di un ritorno d'investimento relativamente basso e incerto, dopo un lungo periodo trascorso nel sistema dell'istruzione, "potrebbe spiegare l'interesse limitato dei giovani italiani ad intraprendere gli studi universitari. Circa il 35% dei 20-24enni non hanno un lavoro, non studiano, ne' seguono un corso di formazione (i cosiddetti neet: neither in employment, nor in education or training), la seconda percentuale piu' alta dei Paesi OCSE".
 
Tra il 2010 e il 2014, "i tassi di occupazione hanno registrato un brusco calo per questa fascia di eta' (dal 32% al 23%), ma la quota dei 20-24enni che continua a istruirsi e' rimasta stabile al 41%".

da http://www.redattoresociale.it

Tags:
giovani
in evidenza
Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto

Sfilata da sogno e... da ridere

Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto


in vetrina
Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah

Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah


motori
Fiat Nuova 500 offre ricariche illimitate con il noleggio pay per use

Fiat Nuova 500 offre ricariche illimitate con il noleggio pay per use

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.