A- A+
Il Sociale
impresa moda responsabile
 

Nell’ultimo decennio la visione «democratica» della moda ha consentito di pagare prezzi sempre più bassi grazie a costi sempre più ridotti, tanto da rendere insostenibile la garanzia di una buona qualità e di un processo produttivo equo. Francesca Romana Rinaldi e Salvo Testa in L’impresa moda responsabile. Integrare etica ed estetica nella filiera (Egea 2013, 224 pagg., 30 euro. Venerdì 22 febbraio, ore 11, gli autori lo presenteranno alla Biblioteca della Moda di Milano), parlano di una rivoluzione, inaugurando l’era del consumo critico e partecipativo.

Il nuovo consumatore – denominato talvolta «consum-attore» o «consum-autore» – sta contribuendo a ripensare, ricreare e ridisegnare le regole del mercato.

L’acquirente vuole essere sempre più informato sull’origine del prodotto, sulla modalità produttiva, sulla manodopera utilizzata. Le grandi catene del fast fashion, come Zara e H&M per esempio, hanno messo in discussione le tradizionali logiche produttive e le tempistiche della moda. La crescente delocalizzazione produttiva, inoltre, ha generato una progressiva globalizzazione della supply chain. Tutto ciò ha portato ad un’accresciuta attenzione alla qualità e al recupero di controllo della filiera.
Come sta cambiando, dunque, il settore? Quali sono i nuovi modelli manageriali necessari per gestire un’azienda moda in questo variato contesto?

La tesi degli autori è che, per poter continuare ad essere competitive, le aziende dovranno adottare un nuovo modello manageriale e imprenditoriale che implichi una prospettiva di medio-lungo termine e prenda in forte considerazione tutte le componenti interessate, ovvero gli stakeholder – dall’ambiente alla società, alla cultura, ai media, alle istituzioni e alla legislazione – ponendo i valori e l’etica al centro del loro agire.
 

“L’idea del libro” affermano gli autori,“è nata e cresciuta insieme a Bio-Fashion, un blog creato per dar voce ad aziende, associazioni e opinion leader sui temi della moda e degli stili di vita ecosostenibili. In tre anni di ricerca sono state raccolte un centinaio di interviste ed è stato ampliato il raggio d’azione: l’ecosostenibilità e le attività che impattano sull’ambiente rappresentano, infatti, solo uno dei contenuti del libro”.
 

L’idea di fondo è che l’equilibrio economico di lungo termine nell’impresa può essere raggiunto solo se si integrano gli obiettivi economici di breve termine, irrinunciabili per la remunerazione di capitale e lavoro, con altri obiettivi non economici che fanno riferimento al rapporto con l’ambiente, la società, la cultura, i media, le istituzioni, la legislazione e soprattutto la dimensione dei valori e dell’etica.

Nella moda sta infatti avvenendo lentamente quanto si è già verificato recentemente e repentinamente nel settore enogastronomico (si pensi agli esempi di Slow Food, Illy e Eataly), dove prodotti artigianali e di alta qualità stanno cambiando radicalmente il modello di consumo, con un ritorno a valori, significati e metodiche produttive dell’era preindustriale che garantiscono la qualità e l’esclusività del prodotto e anche la sua tracciabilità, senza nostalgie per il passato ma, anzi, incorporando nuove esigenze e nuove tecnologie nel prodotto, nella comunicazione e nella distribuzione.

GLI AUTORI

Francesca Romana Rinaldi è faculty member del Master in Fashion, Experience & Design Management, un programma internazionale di SDA Bocconi School of Management. È docente di Strategia aziendale e Fashion Management presso l’Università Bocconi di Milano e presso il Milano Fashion Institute (consorzio interateneo tra Università Bocconi, Università Cattolica di Milano e Politecnico di Milano). È consulente a livello internazionale per aziende del settore moda e lusso. Nel 2010 ha creato il blog Bio-Fashion con l’obiettivo di sensibilizzare e informare dando spazio a testimonianze di aziende, opinion leader
e associazioni sul tema della moda e degli stili di vita sostenibili. Giornalista pubblicista.

 

Salvo Testa è docente di Strategia aziendale presso l’Università Bocconie SDA Bocconi School of Management, dove è stato ideatore e leader della Fashion & Design Platform. Dal 2001 è direttore del Major in Fashion & Design da lui ideato all’Università Bocconi, e docente di FashionManagement presso lo stesso ateneo. Dal 2008 è consigliere scientifico ed esecutivo del Milano Fashion Institute (consorzio interateneo tra Università Bocconi, Università Cattolica di Milano e Politecnico di Milano) e dal 2009 direttore del Master in Brand & Retail Experience Management presso tale istituto. E’ anche consulente di direzione e consigliere di amministrazione indipendente di aziende del settore e autore di diverse pubblicazioni su tematiche di strategia, marketing, prodotto, distribuzione, comunicazione e organizzazione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
modarinalditestaegeabocconil’impresa moda responsabile
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory

Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.