A- A+
Il Sociale
Rajo VermaRajo Verma e i suoi mariti

Si chiama poliandria ed è una consuetudine antica che resiste in alcuni villaggi indiani. A portare alla ribalta il fenomeno è stata un'intervista pubblicata dal Sun a una giovane donna, Rajo Verma, che ha sposato cinque fratelli.

Vivono tutti nella stessa baracca e ogni sera Rajo dorme con uno dei suoi mariti. “All’inizio era imbarazzante - racconta la 21enne-, ma anche mia madre è stata sposata con 3 fratelli e ho capito presto che avrei dovuto accettare tutti i miei mariti. Dormo con loro, uno per volta. Non abbiamo un letto. Dormiamo sopra delle coperte".

Guddu, che ha 21 anni come lei, è stato il primo a farla sua sposa: “Noi tutti abbiamo rapporti sessuali con lei, ma io non sono geloso. Siamo una grande famiglia felice“. La coppia si è sposata con un matrimonio combinato quattro anni fa e lui rimane il suo unico sposo ufficiale.

Poi a seguire ci sono stati gli altri quattro fratelli, Bajju, 32, Sant Ram, 28, Gopal, 26 e Dinesh che l’ha sposata appena compiuti i 18 anni.

Nella vita quotidiana Rajo pulisce e si prende cura del bimbo di 18 mesi che non ha un padre biologico certo, mentre i suoi mariti vanno a lavorare a Dehradun, città dell’India del Nord.

Tags:
indiapoligamiarajo verma

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.