A- A+
Il Sociale
Compra i jeans e trova un biglietto: "Siamo schiavi cinesi, salvateci"

Un messaggio di Sos nascosto in una tasca dei jeans. "Siamo schiavi cinesi, qui ci sfruttano come animali: salvateci". Lo ha trovato una donna inglese in un paio di pantaloni acquistati in una catena di abbigliamento low cost a Belfast, in Irlanda del Nord. Li aveva comprati tre anni fa, ma, a causa di un difetto alla lampo, non li aveva mai indossati. Solo nei giorni scorsi la scoperta, come racconta Repubblica. Il biglietto è scritto in caratteri cinesi, accompagnato da un "Sos" ripetuto tre volte e altrettanti punti esclamativi. 

La donna si è rivolta ad Amnesty International. "E' una storia molto difficile da verificare", commenta Amnesty, confermando però che le condizioni in cui vengono tenuti molti lavoratori in aree dell'Asia, di America Latina e Africa sono disumane. Intanto la Primark, la catena che vendeva i pantaloni (e che già in passato è finita al centro delle polemiche per vicende simili), ha avviato un'inchiesta interna. "Troviamo però strano che il biglietto sia venuto alla luce solo ora", dice l'azienda, sottolineando che dai controlli ai fornitori negli ultimi anni non sono mai emerse irregolarità.

"Siamo detenuti nella prigione Xiangnan di Hubei, in Cina - si legge esattamente nel messaggio -. Da molto tempo lavoriamo in carcere per produrre abbigliamento per l'esportazione. Ci fanno fare turni di 15 ore al giorno. Quello che ci danno da mangiare è perfino peggio di quello che si darebbe a un cane o un maiale. Siamo tenuti ai lavori forzati come animali. Chiediamo alla comunità internazionale di condannare la Cina per questo trattamento disumano".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
jeansallarmeoperai
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.