A- A+
Il Sociale
Disabile discriminata, niente cane in adozione. Ma è polemica

“Una vicenda a dir poco raccapricciante”. Non riesce a capacitarsi Luca Torello, padre di una ragazza disabile, Andrada, per quanto gli è accaduto per ben due volte in poche settimane durante la ricerca di un cane da adottare (“era da tempo che lei ne voleva uno, e allora ci siamo messi alla ricerca di un cane di taglia media e che potesse piacerle”). La storia di questa ricerca - e delle risposte avute - si è trasformata in quella che Luca definisce un esempio dell’ignoranza e del pregiudizio che tuttora, anno 2015, le persone con disabilità e le loro famiglie si trovano a dover subire.

Il tutto accade a Bologna, dove Luca vive con la compagna e con Andrada. “La ragazza – spiega – ha una disabilità di tipo grave, al 100%, dovuta ad encefalopatia cronica infantile dalla nascita, in sostanza un ritardo mentale che comunque non le impedisce di essere quasi autosufficiente e di esprimersi verbalmente o a gesti”. “Da due mesi circa stavamo cercando un cane in adozione – racconta Luca – perché Andrada lo desiderava molto. Ne avevamo trovato uno che le piaceva tramite annuncio in internet, e telefonicamente abbiamo contattato la responsabile dell'annuncio che in un primo momento ci aveva promesso che ci avrebbe fatto avere tramite mail un “questionario di pre-affido”, ma poi alla notizia che Andrada è disabile ci ha detto che qualcuno delle persone che aveva contattato lei aveva difficoltà a darci il cane… sì, proprio perché è disabile!”.

Quindi, prosegue Luca, “sconcertati ma senza arrenderci, ci siamo rimessi a cercarne un'altro, sempre tramite annunci in internet di associazioni che davano in adozione questi cani. Due settimane fa abbiamo trovato un cucciolo da adottare che un signore aveva pubblicato su ‘Bologna’. Il cane si chiama Russel. Dopo averlo contattato telefonicamente, dopo averci detto che Russel era disponibile e dopo averci fatto delle domande inerenti la nostra famiglia, ci ha inviato il questionario di pre-affido. L’ho compilato, gliel'ho inviato e dopo qualche giorno ci ha risposto via mail che aveva difficoltà a mandarci un volontario specializzato ‘adatto a fare un colloquio’ semplicemente a causa della disabilità di Andrada”.

Continua a raccontare Luca: “Io gli ho risposto che non ci voleva nessuno specialista per fare delle domande ad Andrada, ma che chiunque poteva venire in casa nostra e rivolgersi sia a noi che a lei come a una persona normale. Il giorno seguente ci risponde che secondo lui il cane non era adatto ad Andrada perché vivace, impegnativo e che l'arrivo di Russel sarebbe un ulteriore impegno in quanto il cane necessita dedizione ed educazione, quindi maggiore lavoro per noi. Gli ho risposto che forse non avevano mai sentito parlare della pet-therapy, consigliata proprio alle persone con disabilità”.

Dopo questo trattamento, Luca con la sua famiglia va in un canile della zona e “in meno di un'ora ci siamo portati a casa, in affido temporaneo, un bellissimo cucciolo (una femmina) uguale a Russel, insieme allo sconcerto degli operatori e volontari del canile quando gli abbiamo raccontato ciò che ci era successo...”. (da redattoresociale.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ragazzadisabilecaneadozione
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.