A- A+
Il Sociale

Atteggiamenti rudi e indifferenti nei confronti di un disabile possono costare alla badante che lo ha in affidamento una condanna per maltrattamenti. Lo sottolinea la Cassazione, esaminando il caso di una donna ucraina condannata dalla Corte d'appello di Roma a 8 mesi di reclusione per maltrattamenti nei confronti di un uomo affetto da sindrome di down (le cui esigenze erano paragonabili a quelle di un bambino di 3-4 anni), al quale faceva da badante. L'imputata, in base a quanto ricostruito nel processo, aveva sempre tenuto un "atteggiamento molto rude e imperioso" nei confronti del disabile "sgridandolo ad alta voce", "non curandosi" della sua igiene personale, "trascurandone l'alimentazione", lasciandolo anche spesso solo per intrattenersi con le amiche.

A denunciare la vicenda era stato il fratello del disabile che, durante le visite all'uomo, lo aveva trovato sempre piu' magro, triste, dimesso e malcurato. La sesta sezione penale della Suprema Corte, pur dichiarando prescritto il reato, ha riconosciuto l'imputata responsabile di maltrattamenti: tale reato, infatti "e' integrato non soltanto da specifici fatti commissivi direttamente opprimenti la persona offesa, si' da imporle un inaccettabile e penoso sistema di vita - osservano gli 'alti' giudici - ma altresi' da fatti omissivi di deliberata indifferenza verso elementari bisogni esistenziali e affettivi di una persona disabile". Gli 'ermellini', inoltre, ricordano che "le caratteristiche delle esigenze vitali e dei ben definiti bisogni di socialita' e affettivita' di una persona con sindrome di down "debbono considerarsi, nell'attuale momento storico, acquisiti al patrimonio di conoscenza collettivo, in guisa da non richiedere alcuna speciale perizia e preparazione tecnica o medica, che trascendano il buon senso, una comune sensibilita' e un doveroso rispetto per la diversita' di una persona disabile, per limiti cognitivi e difficolta' motorie, quale un portatore di sindrome di down". Sensibilita' e rispetto, conclude la Corte, "tanto piu' doverosi e ineludibili se connessi", come nel caso in esame, "ad un rapporto professionale di affidamento e cura nella persona portatrice di handicap".

Tags:
disabilecuremaltrattamento

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.