A- A+
Il Sociale
"Parla italiano, festeggia il Natale, sìì pulito". Decalogo choc per gli immigrati

Un decalogo che intende “educare” gli immigrati al rispetto delle tradizioni italiane. E’ destinato a far discutere il volantino dal titolo "In Italia si usa così" che il gruppo di Fratelli d’Italia in Toscana porterà nei quartieri delle città della regione dove ci sono alte concentrazioni di cittadini stranieri. Un decalogo che è tradotto anche in arabo e che punta all’integrazione, ma che rischia di etichettare l’immigrato con una serie di stereotipi e luoghi comuni, oltre al rischio di provocazioni.

Il primo punto è chiaro e dice: “Sei in Italia, parla italiano: imparare la nostra lingua è fondamentale per potersi far comprendere e dimostrare volontà di integrazione”. Il secondo punto riguarda i figli di immigrati: “I bambini vanno a scuola: frequentare la scuola, per costruire una coscienza civica e sviluppare la convivenza, è fondamentale per il futuro dei tuoi figli”. Nel terzo punto si dice che “le donne non vanno picchiate” e che “il Natale e la Pasqua vanno celebrati a prescindere dal tuo credo religioso”. Nel punto sette si scrive che bisogna “essere puliti e non sporcare la città” mentre nel nono punto si spiega che “sputare è sgradevole”. Sottotitolo del volantino è il seguente: "L'Italia vi ha aperto le porte. Ora se volete rimanerci dovete rispettare le nostre regole".

Ecco di seguito tutti i dieci punti.

1) Sei in Italia, parla italiano: imparare la nostra lingua è fondamentale per potersi far comprendere e dimostrare volontà di integrazione.

2) I bambini vanno a scuola: frequentare la scuola, per costruire una coscienza civica e sviluppare la convivenza, è fondamentale per il futuro dei tuoi figli.

3) La donna non si tocca nemmeno con un fiore: che sia moglie, figlia, fidanzata o altro, devono esserle riconosciuti tutti i diritti. In nessun caso le donne vanno picchiate, per nessun motivo. 

4) Usi, costumi e tradizioni sono anche i tuoi: rispetta le tradizioni italiane, perché la nostra identità si fonda soprattutto su un patrimonio condiviso. Il Natale e la Pasqua vanno celebrati, anche nelle scuole, a prescindere dal tuo credo religioso.

5) Il lavoro ha le sue regole: non si vendono prodotti con firme false e non si vende senza autorizzazioni. Se si apre un’azienda si rispettano le norme sulla sicurezza sul lavoro, si concedono ferie e malattie ai dipendenti e si rispettano turni di lavoro che permettano anche il riposo.

6) Non si può stare in luoghi pubblici con il volto coperto.

7) Pulizia e decoro: essere puliti e non sporcare città, giardini e marciapiedi è importante per la salute di tutti.

8) Prega chi vuoi, ma non disturbare: noi ti garantiamo la libertà di vivere qualsiasi religione, ma non puoi disturbare o offendere chi ha credi diversi, si dichiara ateo o professa la nostra religione tradizionale.

9) Rispetta la città: sputare per terra è sgradevole, urinare per terra o sui marciapiedi è vietato.

10) Macellazione responsabile: no agli sgozzamenti clandestini e ai rituali (Halal) che recano inaccettabili sofferenze agli animali destinati al consumo alimentare (da redattoresociale.it).

Tags:
decalogoitalianiimmigratinatale
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.