A- A+
Il Sociale

Il governo giapponese ha reso noto di aver giustiziato tre detenuti condannati per omicidio, uno dei quali di una bambina. Si tratta dei primi giustiziati da quando e' arrivato al potere, lo scorso dicembre, il premier conservatore, Shinzo Abe.

I tre, che sono stati giustiziati per impiccagione come impone la legge nipponica, avevano 29, 44 e 62 anni ed erano tutti condannati per omicidio (uno di loro, Kaoru Kobayashi, aveva ucciso una bambina di 7 anni e poi inviato le foto del cadavere alla madre, nel 2004). Il Giappone e' il Paese industrializzato e democratico che insieme agli Usa mantiene la pena capitale.

Attualmente ci sono 133 detenuti nel braccio della morte, la cifra piu' alta dal 1949, anno in cui e' stata avviata questa statistica. Durante il precedente governo del Partito Democratico sono state giustiziate 9 persone e si e' avviato un importante dibattito sulla pena di morte, misura sostenuta dalla gran parte dei giapponesi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pena di mortegiapponeabediritti umani
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.