A- A+
Il Sociale
Salute: la prevenzione cardiovascolare? Ecco come si realizza

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono responsabili di circa il 40% di tutti i decessi registrati nei Paesi sviluppati e nonostante il consistente miglioramento consolidato negli ultimi decenni, grazie alla riduzione dei tassi di tabagismo e al miglioramento dei regimi dietetici, raramente si fa oggi ricorso alla prevenzione. Proprio in virtù della volontà di risolvere tale problematica, che costituisce un grande onere sia sotto il profilo umano sia sulle risorse economiche del Servizio Sanitario Nazionale, la SIPREC (Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare), si schiera in prima linea per diffondere la cultura della Prevenzione attraverso progetti che promuovano corretti stili di vita. Tra le iniziative ideate per sensibilizzare l’opinione pubblica, una posizione di rilievo è rappresentata dall’Agenda per la prevenzione cardiovascolare 2014, un vero e proprio consulente tra le mura domestiche, ideato per il terzo anno consecutivo.

Come nasce l'idea di questa agenda? Lo abbiamo chiesto al presidente della Siprec, Bruno Trimarco
“L’idea di questa Agenda, che viene distribuita gratuitamente nelle farmacie che hanno aderito all’iniziativa, nasce tre anni fa e rappresenta la testimonianza diretta dell’impegno della Siprec, ovvero la necessità di coniugare il rigore scientifico con un’apertura costante al sociale. Questo perché la prevenzione cardiovascolare non può prescindere dal coinvolgimento diretto dei cittadini, che ne sono necessariamente i protagonisti principali. Il nostro obiettivo è quello di avere un contatto diretto con le persone, e lo facciamo attraverso uno strumento che ognuno di noi si porta dietro tutto l’anno, tutto il giorno. La Siprec vuole essere diversa rispetto alle Società scientifiche tradizionali, andando incontro alla popolazione”.

Perché è importante?
“Questa Agenda è importante perché aiuta a proteggere il cuore, portando la prevenzione nelle case dei cittadini. Lo fa, fornendo tutta una serie di consigli utili per ridurre il rischio cardiovascolare. Per ciascun mese, infatti, sono presenti 4 consigli e raccomandazioni che vanno dalla buona alimentazione, corredata da sane e gustose ricette, all’attività fisica e ai suoi benefici, fino alle indicazioni per mantenere stabile il proprio benessere psicofisico e per smettere di fumare”.

Qual è il punto centrale della prevenzione cardiovascolare?
“La cosa fondamentale è la modifica dello stile di vita. Uno studio dimostra che facendo 2 mila passi in più al giorno si migliora la prognosi cardiovascolare anche in pazienti ad alto rischio cardiovascolare. Anche piccoli accorgimenti, dunque, possono contribuire ad allontanare i problemi. Le persone hanno la percezione dell’importanza di alcune cose, ma pensano che sia difficile metterle in pratica. Pensiamo all’alimentazione e all’idea che i cibi buoni per la salute non siano abbastanza gustosi. Questo è un elemento da sfatare. Noi ad esempio abbiamo inserito nell’agenda ricette molto accattivanti, che dimostrano come sia possibile mangiar bene non peggiorando il proprio stato di salute, anzi migliorandolo”.

Il Progetto è supportato da Rottapharm Madaus, multinazionale farmaceutica italiana con una lunga tradizione in ricerca, che intende offrire la possibilità a tutti i cittadini di informarsi circa la prevenzione cardiovascolare.

 

Vincenzo maglione, ad Rottapharm Madaus, può spiegarci in che modo il vostro contributo in tale iniziativa può essere importante?
“Rottapharm|Madaus è un’azienda multinazionale a capitale italiano che ha nella Ricerca & Sviluppo il proprio DNA, essendo nata oltre 50 anni fa proprio come laboratorio di Ricerca. Quella Cardiologica è una delle nostre aree terapeutiche principali avendo beneficiato nel corso degli anni di numerosi prodotti pervenuti dalla nostra Ricerca. Basti ricordare tra gli altri Epinitril , un prodotto per curare l’angina pectoris, e più recentemente Armolipid Plus un integratore con formula brevettata per la gestione delle dislipidemie, ormai lanciato in oltre 15 Paesi ed apprezzato e sostenuto dalle comunità scientifiche”.Quali sono le novità nella Ricerca?
“Dalla nostra Ricerca ogni anno nascono una media di 4-6 nuovi prodotti. C’è da sottolineare che questi prodotti non sono solo farmaci essendo la nostra Azienda impegnata anche nel cosmetico, dove abbiamo una posizione di dominanza nel mercato nazionale ed europeo. Lo scorso anno tra l’altro abbiamo ultimato il nuovo Centro di Ricerca in Monza con laboratori “state of the art” per oltre 3.000 metri quadrati. Questo investimento si è reso necessario per rispondere alle crescenti esigenze aziendali ed alla prosecuzione della nostra strategia fortemente basata sulla Ricerca & Sviluppo”.

Quali sono gli obiettivi che legano Rottapharm Madaus alla Siprec?
“Il supporto educazionale da parte di Rottapharm|Madaus alla Siprec nasce dalla condivisione della missione enunciata dal Presidente Prof. B. Trimarco, che ha saputo imprimere un forte impulso alla prevenzione coinvolgendo non solo i medici ma anche i farmacisti. Abbiamo pertanto nel corso del 2013 sostenuto più iniziative: la prima culminata nella settimana della prevenzione del colesterolo svoltasi con il patrocinio di FOFI, la Federazione dei Farmacisti, che nella scorsa primavera per oltre un mese ha sostenuto in moltissime farmacie il messaggio della prevenzione delle malattie cardiovascolari. Offrendo gratuitamente il controllo del colesterolo nelle farmacie aderenti e distribuendo del materiale educazionale. Un’altra importante iniziativa che ci ha accomunato è stata l’agenda della prevenzione Siprec 2014. Un utile strumento che unisce alla praticità dell’agenda consigli sullo stile di vita, esercizio fisico ed una sezione dedicata ai suggerimenti dietetici. Anche questa iniziativa si è svolta in collaborazione con i farmacisti”.

 

I NUMERI
Ogni anno le malattie cardiovascolari uccidono più di 4,3 milioni di persone in Europa e sono causa del 48% di tutti i decessi (54% per le donne, 43% per gli uomini). Le principali forme di malattie cardiovascolari sono le malattie cardiache coronariche e l’ictus. Nei Paesi membri dell’Unione Europea i morti per malattie cardiovascolari sono ogni anno 2 milioni e rappresentano il 42% del totale dei decessi.

Tags:
sipreccardiovascolaresalute
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Temptation Island 2021, ecco le coppie e i tentatori in gara

Temptation Island 2021, ecco le coppie e i tentatori in gara


casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.