A- A+
Il Sociale
Scuola, ancora troppe barriere architettoniche


Nelle scuole del nostro paese ci sono troppe barriere architettoniche. Questo è ciò che emerge dal XIV Rapporto sulla sicurezza, qualità e accessibilità a scuola.

Il Rapporto fa il punto della situazione sulla condizione delle scuole italiane, tramite i dati del monitoraggio civico, prendendo in esame 150 edifici scolastici e avvalendosi della lettura di informazioni varie e da fonti ufficiali.

Le scuole monitorate Cittadinanzattiva riguardano le seguenti regioni: Lombardia, Piemonte, Lazio, Marche, Campania, Molise, Abruzzo, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Nella parte dedicata agli alunni con disabilità, infatti, il Rapporto osserva che nel 43% delle scuole mancano posteggi auto riservati ai portatori di handicap, né nei cortili né tanto meno nei parcheggi interni (e questa è una delle barriere meno incisive rispetto alle altre riscontrate nel medesimo rapporto). Nel 30% dei casi il percorso per arrivare all’ingresso è difficoltoso da percorrere specialmente per i disabili con problemi di deambulazione. Solamente il 23% degli edifici scolastici dispone su tutti i piani dell’ascensore, oppure se pur presente solo in una scuola su quattro è funzionante.

Le barriere architettoniche sono diffuse nelle biblioteche (35), nei bagni (28), aule computer (27%) ei laboratori (24%.)

Inaccessibili ai disabili anche il 17% delle palestre, il 16% delle aule, il 14% delle mense e il 9% dei cortili. In particolare, nella gran parte delle aule (78%) non c'e' spazio sufficiente per consentire il movimento della carrozzina.

Dai dati nazionali resi noti dal Miur (Anagrafe edilizia scolastica, 2015) risulta che il 71% delle scuole si è dotato di accorgimenti per il superamento delle barriere architettoniche, mentre il 29% ne è ancora privo. Si va dall'eccellenza di Valle d'Aosta (97% delle scuole accessibili), Piemonte (88%) e Veneto (87%), all'assoluta mancanza della Calabria (solo il 16% delle scuole è priva di barriere architettoniche), seguita a distanza da Sicilia e Campania (intorno al 50%) ed Emilia Romagna (59%).

Questi sconfortanti dati non sono nient’altro che la dimostrazione concreta del triste fatto, che gli amministrazioni locali e i governanti sono incapaci di applicare in toto le buone leggi in vigore da anni, in materia di abbattimento delle barriere architettoniche, quali la legge n. 13/89 ad esempio.

Alessandro Frezzato

Tags:
scuola
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator: design autenticamente Jeep

Gladiator: design autenticamente Jeep


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.