A- A+
Il Sociale
Speranza e cambiamento, le parole degli italiani per il 2017


Più della metà degli intervistati non immagina di cambiare il proprio stile di vita. Nel 2017 rallenta il potere d’acquisto delle famiglie che fino al 2016 avevano potuto godere di fattori favorevoli ma transitori

Un paese che sta alla finestra e che, passati gli anni bui della recessione, spera nel futuro ma stenta a metterne a fuoco i dettagli. E’ la fotografia dell’Italia 2017 scattata con il sondaggio di fine anno e le previsioni sui consumi 2017 del “Rapporto Coop”, redatto dall’Ufficio Studi di Ancc-Coop (Associazione Nazionale Cooperative di Consumatori) con la collaborazione scientifica di Ref. Ricerche, il supporto d’analisi di Nielsen e i contributi originali di GFK, Demos, Doxa, Nomisma e Ufficio Studi Mediobanca. Ora in versione completa dopo l’anteprima digitale dello scorso settembre.

Tra le parole con cui gli italiani descrivono l’anno che è appena iniziato, sottolinea il rapporto, si confermano quelle che  avevano già caratterizzato il 2016 ovvero “speranza” (l 33%), “cambiamento” (12% ), “timore” (10%).  Ancora fra le parole più rappresentative del 2017 “ripresa” e “crisi” registrano l’identico indice di gradimento (entrambe sono state scelte dal 8% del campione) "quasi come se l’una neutralizzasse l’altra". Per quanto riguarda le intenzioni di spesa degli italiani più della metà degli intervistati non immagina di cambiare il proprio stile di vita. Le famiglie prevedono in crescita i costi delle utenze e quelli per la mobilità, sognano vacanze all'estero e, per la prima volta dopo molti anni, immaginano di aggiungere valore al carrello della spesa alimentare; lo dichiara il 13% rispetto a un 8% che continuerà a tagliare.

Il 2017 sarà comunque l’anno del rallentamento del potere d’acquisto delle famiglie che fino al 2016 avevano potuto godere di fattori favorevoli ma transitori; di conseguenza il ciclo dei consumi, dopo un biennio a ritmi superiori all’1%, subirà una battuta d’arresto (la stima si attesta su uno 0,7%) dovuta al rallentamento dei redditi e soprattutto alla  ripresa dell’inflazione. Saranno maggiormente penalizzati gli acquisti di beni (ad eccezione di quelli tecnologici e ancora l'auto), rimarrà in crescita la spesa per i viaggi e per i servizi per la persona. Il 2017 porterà probabilmente nuovo dinamismo nel mercato immobiliare e nei comparti ad esso collegati (arredamento ed elettrodomestici): in tempi di bassi tassi d'interesse e di turbolenza dei mercati finanziari torna a essere la casa il sogno nel cassetto degli italiani.

La grande distribuzione chiude l’anno in sostanziale parità beneficiando di un piccolo miglioramento delle vendite nelle ultime due settimane dell’anno non superando comunque un +2% peraltro fortemente concentrato a Natale.

fonte: http://www.agenzia.redattoresociale.it

Tags:
speranza e cambiamento
in evidenza
Lorella Boccia, pancione esplosivo Si mostra sui social senza veli

Guarda la gallery

Lorella Boccia, pancione esplosivo
Si mostra sui social senza veli

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.