A- A+
Il Sociale

Un bambino fatto a pezzi e messi in una vaschetta di polistirolo. Come fosse carne. E' la pubblicità choc di due associazioni vegan, che rifiutano il consumo di prodotti d’origine animale come cibo o per qualsiasi altro scopo, che sta facendo parecchio discutere. 

Il messaggio è chiaro: "Chi mangi oggi. Gli animali non sono cose. Quando li mangi o li sfrutti, mangi qualcuno. Non qualcosa. Diventa vegan".

L'iniziativa e' portata avanti da due associazioni: quella 'Campagne per gli animali' (con sede in provincia di Treviso) e quella 'Associazione d'Idee onlus', che ha portato avanti la raccolta fondi volontaria per coprire le spese dell'affissione.

 

Il manifesto è stato esposto a Grosseto, su un'arteria molto trafficata, e ci rimarrà per due settimane.  In molti si sono detti scioccati da un'immagine tanto forte. "Tutti sono liberi di manifestare e proprie convinzioni e di promuovere le proprie idee - ha detto il sindaco della cittadina toscana, Emilio Bonifazi - diverso è invece utilizzare immagini violente capaci di provocare un grande impatto sui cittadini ma certamente prive di buon gusto". "Giocare con il corpo dei bambini - ha proseguito Bonifazi - anche se attraverso una bambola, è intollerabile e come sindaco mi sento in dovere di condannare un uso tanto improprio di uno strumento pubblicitario"

Secca la replica delle associazioni, che hanno raccolto i fondi per l'affissione sul web: "Nulla di scioccante, è semplice realtà dei fatti".

Tags:
veganiveganspot

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.