A- A+
Il Sociale
Stamina, Vannoni: "Stop alle attività in Italia per il patteggiamento"

Il presidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni, ha chiesto il patteggiamento a 1 anno e 10 mesi: in cambio i legali sono pronti a ritirare il ricorso al Tar del Lazio contro il Ministero della Salute e a fermare l'attivita' in Italia. Ora il pm Raffaele Guariniello dovra' esprimere il suo parere. Davide Vannoni, il fondatore di Stamina, ha avanzato una proposta di patteggiamento al pm Raffaele Guariniello, titolare dell'inchiesta che lo vede indagato per associazione a delinquere e altri reati insieme ad altre oltre 10 persone.

I legali dell'indagato, Pasquale Scrivo e Liborio Cataliotti, hanno avuto un incontro con Guariniello nei giorni scorsi e hanno parlato con il magistrato di una quantificazione della pena che ammonterebbe a un anno e dieci mesi. Anche i legali di altri indagati stanno valutando l'ipotesi del patteggiamento.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
staminavannonipatteggiamentostopfine
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni

Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.