A- A+
Il Sociale

La Camera dei deputati uruguayana ha approvato la legge che consente le nozze gay, 'passata' al Senato la settimana scorsa. Il Paese diventa il dodicesimo al mondo e il secondo in America Latina (dopo l'Argentina) a consentire agli omosessuali di sposarsi.

Il provvedimento e' stato approvato da oltre due terzi della 'camera bassa' (71 voti a favore su 92 deputati presenti) nonostante l'opposizione della Chiesa Cattolica. Uno degli aspetti piu' particolari della nuova legge (che sara' probabilmente promulgata nel giro di un paio di settimane dal presidente Jose Mujica, suo convinto sponsor) assegna al coniugi la possibilita' di decidere l'ordine dei cognomi dei figli e, in caso di mancato accordo, di sorteggiarlo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
uruguaynozze gay
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.