A- A+
Sport
abramovic 420

Emerge una nuova versione nel giallo del fermo negli Usa di Roman Abramovic, di cui lunedi' una tv russa aveva dato la notizia poi smentita da un portavoce del magnate russo e dalla stessa polizia federale. Un avvocato russo, Alexander Dobrovinsky, che nei giorni scorsi era stato il primo a dare la notizia della morte dell'ex oligarca Boris Berzovsky e che aveva anche fatto filtrare l'indiscrezione del fermo di Abramovich, ora ha meglio precisato cosa sarebbe accaduto. Il legale affermato che il patron del Chelsea e' stato convocato dall'Fbi e gli sono state rivolte domande nell'ambito di un'inchiesta su sospetti di corruzione nella scelta della Russia come sede dei mondiali di calcio del 2018. "Gli americani volevano sapere come la Russia avesse ottenuto il diritto di ospitare i mondiali del 2018", ha dichiarato Dobrovinsky, sostenendo di aver appreso la notizia da una fonte che non puo' citare ma che e' "assolutamente affidabile". Il portavoce di Abramovich, John Mann, ha pero' smentito anche la notizia di un semplice interrogatorio del miliardario russo da parte dell'Fbi, affermando che il paron del Chelsea non e' stato ne' fermato, ne' interrogato dal Federal Bureau of Investigation.

Tags:
abramovicfbichelsea

i più visti

casa, immobiliare
motori
Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.