A- A+
Sport

Galliani "In ritardo ma conti alla fine, pausa salutare. Troppi 13 gol presi" - L'ad del Milan non si e' negato alle domande dei cronisti. "La pausa e' salutare perche' finalmente recupereremo diversi giocatori, quindi la pausa e' importantissima". Il Milan spera di ripetere la stagione dello scorso anno con un grande recupero. "Il campionato dura 38 partite, quindi aspettiamo la ripresa del campionato per recuperare il terreno perduto. Al momento i numeri dicono che il ritardo e' grave, poi vedremo alla 38esima quali saranno i numeri finali".

"Se multeremo Mexes per il pugno a Chiellini? I rapporti interni con i giocatori sono riservati", ha detto Galliani, che ha commentato la prestazione della squadra. "Abbiamo giocato bene per un'ora, abbiamo avuto una grande occasione con Robinho. Balotelli assenza importante, ma anche quella di El Shaarawy che ci avrebbe dato piu' copertura, di De Sciglio e di Kaka'". Si e' inoltre lamentato per i troppi gol subiti dalla sua difesa: "Tredici gol subiti sono tantissimi, siamo la terza peggior difesa del campionato dopo Sassuolo e Bologna, non basta avere fatto 13 gol che sono tanti...".

allegri inzaghi

L'OMBRA DI PIPPO? GALLIANI DA' FIDUCIA AD ALLEGRI. MA QUANTI DUBBI PER IL CONTE MAX... -  Fiducia confermata a Massimiliano Allegri. Quello che filtra da casa Milan (salvo ripensamenti fuori da via Turati... ossia berlusconiani) è chiaro: Adriano Galliani punta ancora sul tecnico livornese che un anno fa in questro stesso periodo aveva difesa a spada tratta, a dispetto delle voci che già danno Pippo Inzaghi in rampa di lancio (ottimo l'inizio della sua Primavera, che miete successi anche nella Champions dei giovani). La situazione è simile: 7 punti in 8 partite nella stagione 2012/2013, 8 punti in 7 match giocati nell'attuale campionato. Il piatto (rossonero) piange sempre. L'aggravante è che nel torneo passato arrivò una splendida rimonta, ma con una concorrenza che si sgretolò per strada: Roma (di Zeman) prima, quindi l'Inter di Stramaccioni (che durò sino alla vittoria allo Juventus Stadium) e quindi la Lazio di Petkovic nel girone di ritorno. Al Milan bastò vincere (faticosamente) il duello con la Fiorentina di Montella per assaggiare il brodino del terzo posto dietro all'irraggiungile Juventus di Conte e al Napoli di Cavani. Questa volta le certezze che le rivali presteranno il fianco a una seconda risalita rossonera non ci sono per niente: la Roma di Garcia e Totti è uno spettacolo, il Napoli post-Matador gira che è una bellezza, sulla Juve chiunque capisca di calcio sa che non ci sono dubbi (a dispetto di qualche allarmismo recente). La corsa ai primi tre posti è oltremodo complicata, soprattutto pensando che la distanza è di 13/11 punti dalle dominatrici del torneo. Anzi, allo stato attuale per questo Milan sarà complesso anche strappare un posto in Europa League. Ad ogni modo, i recuperi di Balotelli (fuori solo ed esclusivamente per colpa sua), Kakà, El Shaarawy e di tutti gli altri assenti di lusso faranno comodo ad Allegri per accrescere il tasso tecnico della squadra e fare un po' di quel turnover che è mancato nel ciclo di match settembrini. Certo, subito dopo la sosta (si riparte con l'Udinese, poi il terribile Barça in Champions) già ci sarà un problema supplementare per il conte Max: la squalifica di Philippe Mexes. La difesa rossonera fa acqua da tutte le parti con i titolari (tra il francese e Zapata, rendimento decisamente rivedibile) con i 13 gol incassati in 7 partite, in più bisognerà cercare il recupero di riserve reduci da infortunio (l'acciaccato Bonera, che l'anno scorso giocò poco e male, oltre a Silvestre reduce da stagione nerissima all'Inter) per tamponare una situazione preoccupante.

mexes de jong

Allegri "commessi errori decisivi, Mexes? non e' pugno" - "In questo momento parlare di obiettivi e' praticamente impossibile, la cosa che dobbiamo fare e' recuperare giocatori e affrontare partita dopo partita per recuperare in classifica, ci vorra' tempo. Abbiamo fatto una buona prestazione ma abbiamo sbagliato in alcune circostanze concedendo alla Juventus alcune opportunita' che abbiamo pagato a caro prezzo". Cosi', ai microfoni di Sky Sport, Massimiliano Allegri commenta la sconfitta per 3-2 a Torino contro la Juventus. Il tecnico rossonero difende a spada tratta il difensore rossonero Mexes, reo di aver sferrato un pugno a Chiellini: "Mexes non ha dato un pugno, era un contrasto in marcatura. Se volete dire che e' un pugno ditelo pure, di questi falli ce ne saranno mille dentro l'area, la faccia non l'ha neanche toccata. E' un'azione, non e' assolutamente un pugno". Poi Allegri si sofferma sul difficile momento rossonero con tanti indisponibili: "Oltre a Kaka' abbiamo fuori Pazzini, Balotelli, El Shaarawy, De Sciglio. E' normale che in queste partite devi sbagliare poco e niente, noi invece abbiamo sbagliato qualcosa perche' sul primo gol abbiamo perso palla e siamo stati costretti a far fallo, sul secondo episodio c'e' stato un errore simile e quando sbagli squadre come la Juventus ti puniscono. Sotto l'aspetto della prestazione come fase difensiva abbiamo concesso ben poco, a parte i primi tre tiri da fuori area, e quindi, forse, bisogna uscire piu' velocemente su chi tira".

"Bisogna rimontare, faremo il possibile per farlo - ha proseguito Allegri -. In questo momento ogni errore lo paghiamo, la classifica dice che abbiamo otto punti e vuol dire che ci meritiamo questi. Matri ha lavorato bene, non era facile in mezzo ai tre centrali bianconeri, sicuramente migliorera'". Inevitabile, ancora una volta, la domanda su Andrea Pirlo, grande ex rossonero e tra i miglior in campo. "E' da quattro anni che fate questa domanda - afferma Allegri -, fatene altre Andrea e' un campione, ha tirato due punizioni magistrali. Non e' che andato via dal Milan perche' era scarso, annoia anche un po' ripetere sempre le stesse cose. Altrimenti bisogna ricordare tutti quelli che sono andati via e hanno fatto bene altrove". Ai microfoni della Domenica Sportiva, su Raidue, smorza un po' i toni sul pugno di Mexes a Chiellini, ammettendo che non e' stato il massimo della sportivita'. "C'e' stato un corpo a corpo in area - dice -, Mexes ha avuto una reazione, a vederlo in televisione e' un brutto gesto, ma non guardiamo solo questo, guardiamo anche i placcaggi compiuti in area dai giocatori bianconeri. E' un brutto gesto, ma non c'e' stato solo quello. Mexes puo' aver sbagliato ma non gli ha dato un cazzotto in faccia. Sono falli che in area capitano spesso, ci sono stati altri falli in area, non come questo, che non sono stati sanzionati". Poi il tecnico milanista torna all'analisi del match: "C'e' stata una partita equilibrata, abbiamo concesso alcuni tiri fuori area e un'occasione a Quagliarella. Sul primo gol credo che la punizione non ci fosse e sul secondo abbiamo regalato palla. Abbiamo avuto anche la palla del 3-3. Ora c'e' la sosta e speriamo di recuperare i giocatori e risalire piano piano. Dobbiamo guardare la realta' delle cose - aggiunge -: abbiamo otto punti, sono pochi, abbiamo sbagliato delle cose e avuto molti infortunati, El Shaarawy, Pazzini, Bonera, Birsa. La squadra ha comunque offerto buone prestazioni. E' normale che dobbiamo migliorare, soprattutto in fase difensiva, perche' subendo due gol a partita e' impossibile vincere. Per subire meno gol innanzitutto dobbiamo sbagliare di meno, da li' nascono i gol. Se conti i gol presi sembrano tanti, ma se si guarda come li prendiamo si capisce che non e' tanto una questione di reparto ma che dipende anche da noi e dagli errori che commettiamo".

Tags:
allegrimexesjuventusmuntari

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.