A- A+
Sport
pepe reina

Il nuovo eroe di Napoli? Pepe Reina si gode una domenica da protagonista quanto e forse persino più di Gonzalo Higuain.

Il 31enne portiere madrileno era sbarcato all'ombra del Vesuvio forse accompagnato da qualche scetticismo. La notte di San Siro li ha spazzati via tutti. Ora il figlio d'arte (suo papà Miguel era stato estremo difensore dell'Atletico Madrid) si è preso "tutta" la porta partenopea dopo aver fatto impazzire mario Balotelli parandogli un rigore (il primo dopo 22 centri consecutivi dell'attaccante milanista) e almeno un altro paio di siluri ad alto potenziale balistico. Sorride Josè Manuel Reina Pàez (in arte Pepe Reina) e con lui Rafa Benitez che lo ha fortemente voluto a Napoli, ricordando l'avventura passata assieme a Liverpool. Squadra che ha lasciato in estate (ma con la formula del prestito) perchè mister Rodgers non gli aveva garantito una maglia da titolare: situazione pericolosa nell'anno dei Mondiali.

Pepe era Reds dal 2005 dopo che nella stagione precedente aveva portato il Villarreal in Champions parando in stagione sette rigori su nove. In Premier nel 2006 ha poi vinto il Guanto d'Oro per aver mantenuto inviolata la sua porta per venti partite (meglio in quella stagione di Van der Saar e Cech). Reina ha vissuto poi con Rafa la notte di Atene quando il Milan si vendicò della beffa di Istanbul in finale di Champions subita due anni prima (quando lui non c'era). Nel giro della nazionale spagnola da ormai otto anni, ha vinto i Mondiali 2010 e gli Euro 2008 e 2012, pur se non da protagonista (chiuso da Iker Casillas). Benitez comunque lo ha voluto con sé non solo per le doti in porta (non perfetto come forma, ma affidabile) e per l'abilità con i piedi, ma pure per il carisma che lo rende uomo spogliatoio. Di lui si dice sia anche molto scaramentico. Ad esempio pare che il giorno della partita faccia sempre il pieno alla sua auto. Salvo poi togliere la benzina agli avversari con le sue parate. Chiedere a Mario Balotelli...

REINA

BENITEZ, SIAMO AL 73% DEL NOSTRO POTENZIALE

Il Napoli non vinceva a San Siro contro il Milan dal 1986: questa volta c'e' riuscito grazie alle reti di Britos e Higuain.

Ai microfoni di Sky il tecnico partenopeo Rafa Benitez spiega come e' riuscito nell'impresa: "Abbiamo giocatori di qualita' - dice - che possono fare sempre la differenza. Non mi sorprende niente del mio Napoli, prima di questa partita eravamo al 72%, adesso siamo al 73% del nostro potenziale, perche' ho visto come abbiamo lavorato in ritiro e possiamo migliorare ancora tanto. E se miglioriamo possiamo vincere tante partite". Rafa parla del pericolo Balotelli: "Non era facile controllare la sua posizione, a meta' tra il nostro centrocampo e la nostra difesa, lui ha avuto molto spazio e questi aspetti dobbiamo ancora aggiustarli, ma siamo all'inizio del nostro lavoro, la fase difensiva deve migliorare ma come allenatore sono molto soddisfatto di aver vinto qua". Confessa: "Non sapevo che il Napoli non vinceva da tanti anni a San Siro ma quello che conta e' aver mostrato il nostro carattere fino alla fine, e' la quinta vittoria consecutiva, non mi sembra male". Sul rigore che Pepe Reina ha parato a Balotelli c'e' spazio per un dolce amarcord: l'incredibile finale di Champions vinta ai rigori contro il Milan quando sedeva sulla panchina del Liverpool: "E' da tanto che facciamo questo lavoro, cioe' di osservare i rigoristi insieme all'allenatore dei portieri. Tutte e tre i portieri fanno questo lavoro specifico, poi io ho avuto l'esperienza di Dudek a Istanbul... Durante quella finale, su cinque rigoristi, di quattro sapevamo dove avrebbero buttato la palla". Chiosa finale sulla formazione e sui cambi effettuati: "Maggio non era in campo perche' anche Mesto e' un grandissimo giocatore e comunque aveva un fastidio al ginocchio. Insigne stasera poteva essere pericoloso ma l'ho cambiato perche' Higuain era stanco e c'era bisogno di una mano a centrocampo, non era facile capire chi togliere e alla fine ho scelto lui".

REINA IL MODESTO: "IL RIGORE DI BALOTELLI? SONO STATO FORTUNATO" - "E' stata una partita calda e difficile. Sapevamo che l'ultima vittoria del Napoli a Milano risaliva a tanti anni fa e per questo fa ancora piu' piacere aver vinto". Cosi' il portiere del Napoli, Jose Manuel Reina, commenta ai microfoni di sky la vittoria per 2-1 della sua squadra sul campo di San Siro contro il Milan. L'estremo difensore spagnolo poi parla del momento magico vissuto in queste prime quattro giornate di campionato dagli azzurri. "Siamo ancora al 70 per cento come dice Benitez. Questa e' la strada che dobbiamo continuare a percorrere per crescere e vittorie come queste sono importantissime per il morale della squadra". Infine una battuta sul rigore parato a Balotelli. "Sapevo che Mario e' forte ai rigori, sono stato fortunato".

Tags:
beniteznapolireinahiguain
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up

Gladiator segna il ritorno del marchio Jeep® nel segmento dei pick-up


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.