A- A+
Sport
Cellino, "doloroso esonero" di Lopez. Intanto chiama Zola

Gia' diversi anni fa Massimo Cellino convinse Gianfranco Zola a lasciare il Chelsea per tornare a Cagliari, a chiudere la carriera. Adesso vorrebbe farne il condottiero del suo Leeds. Stando al "Times", l'imprenditore sardo starebbe pensando di esonerare l'attuale tecnico Brian McDermott e affidarsi all'ex fantasista sardo, che lo scorso dicembre si e' dimesso dalla guida del Watford. Cellino, contrario alla figura del manager all'inglese, offrirebbe a Zola la possibilita' di fare esclusivamente l'allenatore, affidando a un direttore sportivo gli altri compiti.

Il "doloroso esonero" di Lopez al Cagliari e il ritorno di Pulga - Diego Lopez non e' piu' l'allenatore del Cagliari. Fatale, per il tecnico uruguaiano, la sconfitta interna con la Roma (4 ko nelle ultime 5 gare) che ha lasciato la squadra sarda al sest'ultimo posto, a +8 sulla zona retrocessione a sei giornate dalla fine. "La necessita' di dare una sterzata a questo finale di campionato per il raggiungimento dell'obbiettivo della salvezza ha reso indispensabile un cambio sulla panchina della prima squadra - si legge nella nota del Cagliari - Scelta quanto mai dolorosa per quanto Lopez ha dimostrato fino ad oggi come professionista e uomo, e in passato da bandiera e capitano della squadra. La societa' ringrazia il tecnico per il lavoro svolto e gli rivolge il piu' sentito in bocca al lupo per il prosieguo della carriera". Non e' stato ancora reso noto il nome del nuovo tecnico. Lopez, gia' dopo la sconfitta con il Livorno, era stato a un passo da licenziamento.

La decisione definita "quanto mai dolorosa" era stata anticipata nelle scorse ore dal presidente rossoblu Massimo Cellino, che aveva preannunciato il rientro di Ivo Pulga sulla panchina della squadra. Il nuovo tecnico ha guidato il Cagliari dall'ottobre 2012, quando era stato chiamato a sostituire Massimo Ficcadenti, fino al 30 giugno dell'anno scorso. Gli era poi subentrato Lopez, difensore uruguayano che ha giocato nella squadra rossoblu dal 1998 al 2010.

Catania, esonerato Maran, nuovo allenatore Pellegrino - Il Catania ha esonerato Rolando Maran, al suo posto subentra Maurizio Pellegrino. Dopo la sconfitta interna con il Torino la societa' rossazzurra ha reso noto di averlo sollevato dall'incarico di allenatore della prima squadra. A Maran dal club etneo "un sincero ringraziamento per il lavoro svolto e l'augurio delle migliori fortune, personali e professionali"

I cambi in panchine A diventano 14 -  Il primo cambio di panchina della stagione e' andato in scena al Genoa con il presidente Preziosi che, dopo la sconfitta col Napoli alla sesta giornata, decide di esonerare Fabio Liverani per affidarsi a Gian Piero Gasperini, gia' in passato sulla panchina ligure. Il ko di Cagliari nell'ottavo turno e' costato il posto a Rolando Maran a Catania, dove e' stato chiamato Gigi De Canio. Il 12esimo turno fa saltare due panchine: fatale a Delio Rossi la sconfitta per 2-1 contro la Fiorentina, con la Sampdoria che chiama Sinisa Mihajlovic al suo posto, mentre al Chievo Beppe Sannino paga l'ultimo posto in classifica (6 punti in 12 giornate) nonostante il pari ottenuto contro il Milan e viene sostituito da Eugenio Corini.

Poi, dopo la 17esima giornata e alla vigilia della 18esima, la rottura tra la Lazio e Vladimir Petkovic. Al posto del tecnico bosniaco, che paga il deludente rendimento in campionato e la netta sconfitta incassata a Verona (4-1), il presidente Claudio Lotito ingaggia Edy Reja, gia' sulla panchina biancoceleste dal febbraio del 2010 al giugno del 2012. Dopo la 18esima giornata e la sconfitta di Catania, il Bologna esonera Stefano Pioli e si affida a Davide Ballardini. Quindi al 19esimo turno gli addii di Massimiliano Allegri, che paga il campionato disastroso del Milan e la pesante sconfitta con il Sassuolo, e di Davide Nicola, esonerato da Spinelli dopo il ko casalingo contro il Parma. Ai loro posti Clarence Seedorf e Attilio Perotti. Quindi, ancora a Catania, il cambio in panchina con l'esonero di De Canio e il ritorno di Maran all'indomani della sconfitta interna con il Siena (1-4) e la conseguente eliminazione in Coppa Italia. Dura un turno il "regno" di Perotti alla guida del Livorno: dopo la sconfitta di Roma alla prima di ritorno la societa' chiama a sorpresa Domenico Di Carlo che gioca la prima contro la Sassuolo e la vince nettamente inducendo la societa' emiliana a esonerare Eusebio Di Francesco. Ma l'avventura di Malesani dura 5 gare, tutte perse. E la societa' richiama il tecnico artefice della storica promozione. La 32esima giornata porta altri due esoneri: il Catania caccia di nuovo Rolando Maran e si affida a Maurizio Pellegrino, al Cagliari salta Diego Lopez. Nella passata stagione in serie A furono in totale 13 i cambi in panchina.

Tags:
cagliarilopezpulgacellino
in evidenza
"Io e Massara senza contratto Poco rispettoso da Elliott..."

Milan, Maldini attacca

"Io e Massara senza contratto
Poco rispettoso da Elliott..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.