A- A+
Sport
stramaccioni chivu

"Sono qui perche' mi sento in debito e mi prendo la responsabilita' di quello che ho detto ma si tratta di una frase estrapolata dal contesto, come se io e la squadra fossimo contro l'allenatore. Non e' affatto cosi'". Cristian Chivu si presenta in conferenza stampa alla vigilia del ritorno di Europa League tra Inter e Tottenham per chiarire il senso di quanto detto martedì e che sembrava un attacco a Stramaccioni ("Non c'e' un gioco").

"Questa squadra ha una cosa che tante non hanno, il carattere, e non e' nemmeno giusto mettere in mezzo la squadra perche' l'intervista e' mia - aggiunge il difensore romeno - ho detto che Stramaccioni sta facendo il suo lavoro al meglio e non e' stato riportato. Ho fatto un'intervista onesta, sincera, quello che sento e sentivo l'ho detto, come ho detto che c'e' bisogno di lavorare, di seguire l'allenatore che sta facendo un grande lavoro e alla resa dei conti lo capiranno tutti". Chivu ritiene che "e' stata riportata una cosa non vera" e sottolinea che "anche la squadra deve prendersi le sue responsabilita': tutti devono remare nella stessa direzione".

STRAMACCIONI "GIOCHIAMO MALE, RITROVARE SICUREZZE" - "Stiamo giocando male, non ha senso negarlo, ma sta a me che sono l'allenatore trovare il modo di ridare ai miei calciatori le sicurezze che hanno gia' avuto e che adesso sembrano smarrite. Il mio compito e' ridare le sicurezze in campo per consentire alla squadra di esprimersi, e' far tesoro di questa situazione negativa e rimettersi in carreggiata". Andrea Stramaccioni coglie l'occasione per dire la sua sul momento dell'Inter.

Affiancato da Chivu in conferenza stampa alla vigilia della gara col Tottenham di Europa League, il tecnico indica che la presenza del centrale rumeno, venuto a chiarire alcune frasi rilasciate martedì' (vedi sopra), "e' il segnale che siamo qui, che nessuno di noi mette la testa sotto la sabbia. Non mi sono mai tirato indietro ma siamo lo stesso allenatore e gli stessi giocatori arrivati a un punto dal primo posto. Mancano 10 partite, un mini-campionato, ritroviamo ora le sicurezze che ci avevano portato la' davanti e lottiamo per il terzo posto, tempo per processarci ce ne sara' diverso". Intanto circolano diversi nomi di possibili sostituti di Stramaccioni. "Saro' giudicato per quello che faremo, il mio futuro e' legato ai risultati di una stagione - replica -. Moratti e' arrabbiato con tutti ma siamo arrabbiati anche noi. Da parte sua pero' percepisco un sostegno e una fiducia che sono maggiori dopo una brutta sconfitta piuttosto che in in buon momento, non potro' mai dire che non ci ha sostenuto al 101%, ma resta comunque il presidente e decidera' lui". E precisa: "Samp ultima spiaggia per me? Credo che il mio lavoro verrà giudicato a fine stagione, poi magari il presidente mi caccia subito".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
chivuinterstramaccioni
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.