A- A+
Sport

Un gol meraviglioso e un assist da favola: praticamente da solo, Neymar permette ad un Brasile poco spettacolare di battere anche il Messico, dopo il 3-0 al Giappone, e di ipotecare la qualificazione alla semifinale della Confederations Cup. Al Castelao di Fortaleza il neo attaccante del Barcellona segna al 9' del primo tempo con un sinistro al volo che stende Corona; poi, dopo una serie di giocate da urlo, in pieno recupero indovina l'assist per Jo dopo un dribbling spettacolare per il 2-0 finale.

neymar ape

Seconda sconfitta in altrettante partite per gli uomini di De la Torre, che erano stati sconfitti all'esordio per 2-1 dall'Italia. Gli Azzurri di Cesare Prandelli scenderanno in campo alle 19 (le 24 ora italiana) contro il Giappone di Alberto Zaccheroni. Il Brasile vince ancora ma deve tutto o quasi a Neymar: il neo attaccante del Barcellona bissa, stavolta col sinistro, lo splendido gol realizzato all'esordio contro il Giappone e contro il Messico regala una serie di giocate da stropicciarsi gli occhi. L'ultima in pieno recupero, quando con un dribbling da fuoriclasse fa fuori due avversari e regala a Jo un assist impossibile da sbagliare.

La semifinale di Confederations e' ormai ipotecata, ma deve lavorare ancora molto Felipe Scolari per presentare una Selecao all'altezza della sua fama: al momento c'e' l'equilibrio "europeo", quello che manca e' ancora una manovra fluida e convincente, i lanci lunghi dalle retrovie a cui spesso ricorrono Thiago Silva e David Luiz (ottima la prova dei due centrali) spazientiscono gli oltre 60.000 di Fortaleza, che si aspettano ben altro e che fino all'ultimo hanno sofferto l'assalto della "Tri". Deludono Oscar e Hulk, promosso Paulinho, oggetto del desiderio di Roma e Inter. Eppure, come contro il Giappone, il Brasile parte fortissimo e dopo 9' e' gia' in vantaggio: il cross di Hulk viene deviato da Rodriguez, il pallone spiove sul sinistro di Neymar che al volo indovina un altro grandissimo gol. Scolari ha optato per la stessa formazione dell'esordio, i suoi lo ripagano almeno all'inizio dando spettacolo e infiammando il pubblico del Castelao di Fortaleza anche quando Dani Alves, con un tirocross, costringe Corona alla deviazione in angolo.

Il Messico fatica a trovare le misure, ma da un'iniziativa di Torres dalla sinistra e da una leggerezza di Marcelo nasce il primo pericolo per Julio Cesar: il diagonale di Mier sfila fuori di un soffio. Spettacolo Neymar: riceve da Fred, col petto sbilancia Mier e col sinistro esplode un tiro che termina alto di poco. Il Castelao e' tutto per il fuoriclasse del Barcellona. Da questo momento, pero', il Messico prende in mano il predominio del gioco e, pur senza creare particolari problemi a Thiago Silva e compagni, impedisce al Brasile di esprimere il proprio gioco e a Scolari di stare tranquillo. Una punizione di Giovani Dos Santos e' l'unico sussulto prima dell'intervallo, Julio Cesar fa buona guardia. Lanci lunghi e qualche fischio, poi un'accelerazione Hulk-Fred-Hulk permette all'attaccante dello Zenit, non proprio amato dal pubblico, di presentarsi ad un passo da Corona.

Il sinistro pero' non e' prorio "brasiliano", il Messico si salva. Torna poco dopo ad accendersi Neymar: diagonale "sporco", il risultato non cambia. Anzi, sul fronte opposto serve un grande intervento di David Luiz per anticipare Chicharito Hernandez che altrimenti avrebbe dovuto soltanto appoggiare in porta l'assist al bacio di Giovani Dos Santos. Esce Oscar, impalpabile, spazio al Profeta Hernanes (17'). Un assolo spaventoso di Paulinho, coast-to-coast con 4-5 dribbling da un'area all'altra, viene concluso da Neymar: Corona e' attento. Una gran botta di Salcido interrompe il momento positivo della Selecao, con il Messico che col passare dei minuti meriterebbe il pareggio: in un'occasione e' decisivo Dani Alves, nell'altra Thiago Silva devia la conclusione di Guardado. Il finale e' ancora marcato Neymar: un dribbling splendido tra due difensori messicani, assist al bacio per Jo che ringrazia e segna il suo secondo gol in questa competizione. Spettacolare Neymar, che fra tre giorni vedremo all'opera contro gli Azzurri di Cesare Prandelli.

Tags:
confederations cupneymarbrasilemessico
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.