A- A+
Sport
La Lazio arbitra (due volte) il destino di Pippo Inzaghi al Milan

Sabato prossimo in campionato, poi nel turno infrasettimanale di Coppa Italia a San Siro (quarti di finale: vietato farsi buttare fuori): il Milan affronta due volte la Lazio e Pippo non può sbagliare. Dicono che Silvio Berlusconi fosse arrabbiato dopo aver visto il match contro l'Atalanta da Arcore. Adriano Galliani corre ai ripari, ha tenuto a rapporto la squadra per un'ora (un confronto sereno col gruppo) e comunque fa trapelare che Pippo non rischia.

L'analisi
Di Giordano Brega

Numeri impietosi - Proprio con la squadra di Pioli aveva debuttato in modo  brillante sulla panchina rossonera in campionato. Un buon successo per 3-1 con El Shaarawy brillante, Diego Lopez che parò un rigore e il pubblico di San Siro generoso con gli applausi. Cinque mesi dopo il Milan chiude il girone d'andata con un anonimo ottavo posto 26 punti (pari all'Inter) e la zona Champions che sta 7 lunghezze sopra. Ma più di tutti sconcerta la crisi di inizio 2015 in campionato: due sconfitte interne (Sassuolo e Atalanta) e un pareggio esterno dopo aver subito per novanta minuti il Torino e malgrado il vantaggio dopo pochi minuti (rigore di Menez).

Attacco inceppato - Una sterilità offensiva che va persino al di là dei due gol in tre partite. Il tridente senza una punta d'area di rigore convince e incide sempre di meno tra le lune di Menez, Cerci non ancora integrato, El Shaarawy che stenta. Un po' si rimpiange Honda (partito per la Coppa d'Asia). E' arrivato Suso (altro esterno d'attacco), ma va verificato il suo inserimento nel breve periodo: non dimentichiamo che pur avendo buone doti (velocità e tecnica interessanti) stiamo parlando di un ragazzo di 19 anni. Ad ogni modo l'attacco va un pochino meglio quando entra Pazzini, che almeno riesce a dare un minimo di profondità alla manovra.

Centrocampo in crisi. Condizione fisica che lascia dei dubbi - Le partite ultimamente il Milan le ha perse soprattutto in mezzo al campo. La formula con l'olandese davanti alla difesa e due mezzali tecniche non sta funzionando: De Jong fatica a tornare sui livelli di inizio stagione (Essien come sostituto fa ancora più fatica), Montolivo non riesce a dare la qualità attesa nei mesi dell'infortunio. Ma più dei singoli (su cui ci sarebbe da discutere analizzando la rosa) l'impressione è che in mezzo al campo i rossoneri finiscano sempre in inferiorità fisica, soprattutto dopo la pausa di Natale e la trasferta di Dubai che forse non ha favorito un lavoro di preparazione fisica adeguata. Corrono meno e non riescono a ovviare dando qualità e facendo girare il pallone. Altro che Milan 4-2-fantasia, la sensazione è che una squadra schierata con due mediani e più "folta" a centrocampo forse potrebbe essere la soluzione per tamponare.

Le incertezze in difesa - A parte i noti problemi sulle palle inattive (con l'Atalanta però il gol è arrivato su azione), più ancora dei centrali è sui terzini che ci sono dei dubbi. Non tanto Ignazio Abate a destra, quanto sulla zona di sinistra. De Sciglio è infortunato e comunque prima dello stop era in grande difficoltà. Armero non ha mai ingranato, mentre Bonera può tappare qualche falla, ma non di più. Da qui le voci su Siqueira...

Iscriviti alla newsletter
Tags:
crisi milanpippo inzaghiberlusconigalliani
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Look più sportivo e AMG Line di serie per la nuova Mercedes CLS

Look più sportivo e AMG Line di serie per la nuova Mercedes CLS


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.