A- A+
Sport
Follie allo Us Open: Djokovic e Federer clamorosamente ko

Mai si sarebbe potuto pensare a una doppia sorpresa del genere nell'ultimo Slam della stagione. Con Nadal fermo ai box per infortunio  tutto lasciava pensare che ci si avviasse verso una logica finale tra Novak Djokovic e Roger Federer.

Invece le semifinali hanno ribaltato le certezze più granitiche. Prima è arrivato Kei Nishikori. Il giapponese, decima forza del seeding, ha eliminato Nole, primo favorito di Flushing Meadows, battendolo in quattro set con il punteggio di 6-4 1-6 7-6 (4) 6-3. Il suo coach Michael Chang (l'uomo che distrusse Ivan Lendl agli ottavi dopo un match pazzesco e poi andò a vincere il Roland Garros 1989 in finale contro Stefan Edberg) aveva giurato: “Kei può battere Nole e se lo batte può vincere il torneo”. Mezza profezia è avverata. Per l'altra metà dovrà passare sulla ferrea volontà dell'altro outsider che non ti aspetti.

Ecco il croato Marin Cilic, quattordicesimo del seeding, dare una lezione di tennis (6-3, 6-4, 6-4) a sua maestà Roger Federer. Una formalità sbrigata in un'ora e quarantaquattro minuti. Il 25enne di Međugorje era considerato un grande prospetto qualche anno fa, ma aveva sempre mancato il salto di qualità. Mai vincitore né di Slam, ma neppure di Master 1000 o 500. Nella sua bacheca "solo" 11 Master 250. E ora questa finale allo Us Open che rilancia la sua carriera.

Lui e Nishikori si giocheranno il titolo in un torneo dello Slam ed entreranno nello speciale club degli intrusi: dal 2008 a oggi, solo Juan Martin Del Potro (proprio nel torneo americano nel 2009) e Stan Wawrinka (proprio quest'anno a Melbourne) sono riusciti a vincere un torneo dello Slam negli ultimi anni spezzando l'oligopolio dei Fab4 (Djokovic-Nadal-Federer-Murray).

Tags:
djokovicfedererus opennishikoricilic
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.