A- A+
Sport
marchetti modificato 1

La Lazio ci mette un'ora per segnare un gol al Fenerbahce ma poi si arrende al pareggio dei turchi e abbandona l'Europa League ai quarti di finale. Dopo i primi 45' in cui i biancocelesti creano tanto gioco ma pochissime palle gol, nella ripresa la squadra di Petkovic trova la rete del vantaggio al 60' con Senad Lulic, bravo a svettare di testa su un cross di Candreva. A quel punto, dopo aver inserito Klose, Petkovic chiama anche Floccari ma il gol lo trova il Fenerbahce con Caner che conclude al 73' un'azione impostata da Webo'. Finisce 1-1 e in virtu' dello 0-2 di Istanbul i biancocelesti escono di scena.

MARCHETTI "PENALIZZATI DA GARA D'ANDATA" - "Una grandissima partita, siamo dispiaciuti, ce la meritavamo questa soddisfazione. Ora andiamo avanti, e' una batosta pero' siamo forti e ce la giochiamo da qui alla fine con convinzione per portare a casa un trofeo". Sono le parole a caldo di un deluso Federico Marchetti, subito dopo il fischio finale di Lazio-Fenerbahce che ha sancito l'eliminazione dei biancocelesti dall'Europa League. "Peccato - spiega il portiere della Lazio - forse siamo stati un po' penalizzati nella gara d'andata, e' normale che quando rimani con uomo in meno per tutto il secondo tempo e un rigore abbastanza discutibile. Oggi meritavamo qualcosa in piu' ma il calcio e' questo, ci dispiace, complimenti al Fenerbahce che e' andato avanti".

PETKOVIC "DATO TUTTO, CON TIFOSI AVREMMO VINTO - "Oggi non posso dire proprio niente ai miei giocatori, hanno dato tutto. Purtroppo la qualificazione non era stasera ma dipendeva da quanto fatto a Istanbul. Complimenti comunque al Fenerbahce, andranno avanti e vediamo fino a dove arriveranno". La prende con filosofia, Vladimir Petkovic, riconoscendo i meriti ai suoi giocatori. "Oggi - ha aggiunto il tecnico biancoceleste - abbiamo visto una bella Lazio che tira 15 volte in porta, purtroppo certi tiri sono da fare un po' meglio". Una gara che la Lazio ha dovuto affrontare senza il sostegno dei suoi tifosi all'interno dell'impianto, per via della sanzione della Uefa. Non e' bastato vedere la gara nel maxischermo tanto che Petkovic dice: "Se avessimo avuto i nostri tifosi all'interno sarebbe stata diversa. Durante la partita si sentivano di piu' quei 200 turchi in tribuna, avevano anche li' la superiorita' numerica. Se avessimo avuto i nostri nello stadio sono sicuro che avremmo vinto. Voglio ringraziare pubblicamente tutti, anche li' a Formello fino all'Olimpico. Questo non si vede tutti i giorni, i giocatori l'hanno sentita, e dato tutto". Archiviata la coppa, ora la Lazio si concentra sulla prossima sfida alla Juve lunedi', dove Petkovic si dice sicuro: "Un pareggio con i bianconeri? Non firmo mai per il pari, noi cerchiamo sempre di vincere, tenteremo di fare la gara e vincere contro una squadra fortissima come la Juve".

Tags:
lazioitaliaeuropa
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
Al Lingotto apre  “FIATCafé500”

Al Lingotto apre  “FIATCafé500”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.