A- A+
Sport
Hamilton campione del mondo per la 2° volta: "Più bello del 2008"

Hamilton, ringrazio tutti per questo successo - "Mi mancano le parole. Devo ringraziare tutti, ho visto tante bandiere e cappellini per me. Ringrazio la squadra, la mia famiglia. Non riesco a spiegare cosa significa. E' stato piu' bello del primo titolo del 2008 (quando vinse con la McLaren, conquistando il titolo all'ultima curva del Gp del Brasile ai danni di Felipe Massa, ndr), come se fosse la prima volta". Sono queste le prime parole sul podio di Lewis Hamilton, per la seconda volta campione del mondo dopo il successo ad Abu Dhabi. E riguardo alla grande partenza del neo campione del mondo, Hamilton ha detto che forse e' stata la piu' bella che abbia mai fatto". "Sapevo - ha aggiunto - che essendo subito davanti potevo affrontare la gara in modo diverso, potevo fare la mia corsa. La macchina e' stata fantastica e ho potuto fare quello che volevo". Riguardo a Rosberg, Hamilton ha detto che "ha combattuto in modo incredibile per tutta la stagione". "Ci siamo incontrati nel 1997 e ci eravamo detti che sarebbe stato bello combattere per un titolo nella stessa squadra. Si e' venuto a congratulare con me alla fine della gara, e' stato molto professionale. Nel corso di tutto l'anno e' stato incredibile in qualifica, mi tolgo il cappello nei suoi confronti".

Rosberg: sono partito malissimo ma avrebbe vinto Hamilton - Nico Rosberg smaltisce la sua delusione per la mancata conquista del titolo. Nell'ultima gara ad Abu Dhabi e' andato tutto storto, ma l'impressione e' che il tedesco fosse consapevole di aver perso gia' in precedenza le proprie chance di vittoria. "Alla partenza ho fatto malissimo - ammette il pilota Mercedes ai microfoni di Rai Sport - Alla fine e' stata una giornata difficile, ma non e' cambiato niente, neppure senza le difficolta' che ho avuto con la macchina, tanto avrebbe vinto lui. Il prossimo anno? Non mi fermo, voglio andare avanti. saro' all'attacco".

Alonso saluta:  "Tristezza per non essere mai più in rosso. Sarò sempre un tifoso della Ferrari" - "C'è la tristezza di non essere mai più in rosso. Alla fine penso che tutti dobbiamo trovare nuove strade e sfide. Penso che è stato un anno complesso per noi, con mancanza di competitività, che è quello che siamo qui a fare tutte le domeniche... battere gli avversari! E' mancata un po' di gestione nella direzione del team. Mi mancheranno i tifosi e l'Italia, ma sarò sempre un tifoso Ferrari. E' stata un'ultima gara emozionante. Adesso c'è sicuramente una mescola di emozioni forti. Guardo al futuro con ottimismo. Penso che un progetto nuovo possa portare motivazioni extra. Ma questo è un momento di ricordo e di ottimismo. Non siamo riusciti nel nostro obiettivo di battere gli avversari e credo che la Ferrari dovrà cercare più stabilità all'interno del box. Ma è normale perché quando si va forte poi sono tutti più contenti. Quindi mando un saluto e un ringraziamento a tutti i tifosi e i ferraristi"

Hamilton per la seconda volta campione mondiale - Questa volta non ha subito la pressione dello scontro interno che nel 2007 gli costo' il titolo mondiale a favore della Ferrari di Kimi Raikkonen. Lewis Hamilton e' il nuovo campione del mondo, il secondo della sua carriera, spezzando l'egemonia del binomio Vettel-Red Bull che durava da quattro anni. Favorito da una Mercedes davvero imbattibile, per l'ottimo telaio della W05 ma soprattutto per la superlativa "power unit" Amg, il pilota britannico ha battuto l'unico concorrente in grado di dargli fastidio, il proprio compagno di squadra: Nico Rosberg. Il pilota tedesco e' stato il piu' regolare ed anche il piu' veloce in qualifica, vincendo la sfida con undici pole position contro le sette del team-mate, ma questo non gli e' bastato per diventare campione del mondo, entrando nella hall of fame della F.1 come seconda famiglia ad avere padre e figlio vincitori di un mondiale, dopo Graham e Damon Hill.

Lewis Hamilton, infatti, nonostante uno stop in piu' (tre contro due, ndr) ha messo in bacheca un numero maggiore di vittorie; ben undici contro le cinque del tedesco, con undici doppiette a suggellare il primo titolo costruttori per Mercedes. E dire che Lewis era partito con il piede sbagliato, con uno zero in casella a Melbourne nella prima stagionale in Australia che, invece, ha visto il successo del compagno di team. Il campione del mondo 2008, pero', si e' subito rifatto infilando un poker di vittorie, salendo sul gradino piu' alto del podio in Malesia, Bahrain, Cina ed alla prima gara europea, al Catalunya, per il GP di Spagna. Rosberg, pero', piazzandosi sempre alle sue spalle ha limitato i danni, per poi tornare al successo nella sua gara favorita, quella di casa a Monte-Carlo. Il secondo stop in Canada di Hamilton, ha permesso a Rosberg con il secondo posto dietro al sorprendente Daniel Ricciardo vincitore con la Red Bull, di tenere la testa della classifica con un vantaggio che e' poi cresciuto con la vittoria di Nico in Austria davanti al suo rivale. Lewis ha realizzato un bel +25 a Silverstone con la vittoria nel Grand Prix di casa coinciso con il ritorno di Rosberg. Hockenheim ha tributato al proprio beniamino tutti gli onori che meritava con la quarta vittoria stagionale davanti al britannico. L'ultimo appuntamento prima delle ferie estive, all'Hungaroring e' coinciso con la seconda vittoria di Ricciardo con la Red Bull davanti alla Ferrari di Fernando Alonso".

Le due Mercedes comunque fanno una gara a parte accumulando secondi sulle altre monoposto. Al sesto giro Alonso passa Raikkonen e conquista il diritto a fermarsi per primo. In difficolta' il finlandese, passato anche da altre vetture. Intanto i commissari infliggono cinque secondi di penalita' a Hulkenberg che aveva ostacolato Magnusen. Al decimo giro primo pit-stop per le due Mercedes e ovviamente non cambia nulla. Al sedicesimo giro ritiro per la Toro Rosso di Kvyat che si ferma in mezzo alla pista. Al venticinquesimo giro problemi per Rosberg che blocca l'anteriore destra in frenata ed e' alle prese con un problema tecnico (Ers) che gli fa perdita potenza. Ne approfitta Felipe Massa che supera il tedesco. Al ventottesimo giro va a fuoco il motore dalla Lotus di Pastor Maldonado; il pilota esce senza problemi; settimo guasto stagionale per il venezuelano. Al trentesimo giro bel duello tra Alonso e Button per la decima posizione; lo spagnolo riesce ad avere la meglio. Rallenta anche Hamilton, ma e' un problema di gomme usurate e dopo il pit-stop torna tutto a posto. Problemi, invece, per Rosberg, che perde posizioni su posizioni dopo il pit-stop. Massa, invece, si porta in testa alla gara. Dura poco, ma e' ugualmente una bella soddisfazione. Pohe emozioni nel finale ed Hamilton meritatamente in trionfo.

Sul podio le due Williams di Felipe Massa, secondo, e Valtteri Bottas, terzo. Ottava la Red Bull di Sebastian Vettel. Chiude invece al nono posto la sua ultima gara con la Ferrari Fernando Alonso, davanti all'altra Rossa di Kimi Raikkonen.

Tags:
hamiltonmercedesrosbergf1
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.