"L'Inter? Queste sono cose che possono succedere nel calcio. Ci sono sempre delle possibilità nella finestra di trasferimento, è tutto normale". Ezechiel Lavezzi esce allo scoperto e rilancia le sue azioni in quota nerazzurra. L'attaccante esterno che Mazzarri ben conosce e che schiererebbe volentieri al fianco di Palacio per dar vita a una coppia veloce, tecnica e capace di non dare punti di riferimento alle difese avversarie (se poi si potesse usarli in appoggio di un Osvaldo o, almeno, di un Milito sano e disponibile per la seconda parte di stagione...).

Le parole del Pocho arrivano nel tentativo di sbloccare una situazione non semplice: pagato 28 milioni due estati fa ora non può essere svenduto nemmeno da un club ricchissimo come quello francese. L'Inter punta al prestito con diritto di riscatto (e deve pure risolvere la grana dell'ingaggio a 4 milioni di euro), ma da Parigi vorrebbero una cessione immediata o garanzie precise sul pagamento a fine stagione. Di certo il feeling tra Lavezzi e la squadra transalpina non è mai sbocciato in campo e lui è il primo a saperlo. "Farò di tutto per cambiare la mia situazione: non ho dato il meglio di me".

A centrocampo resta difficile Nainggolan (Juve ancora in vantaggio) e sembra allontanarsi l'opzione legata al brasiliano Fernando. Il Polpo (essendo un gran recupera palloni) infatti è più vicino al rinnovo di contratto con il Porto.

E poi c'è la voce più clamorosa: Samir Handanovic al Manchester City per avere il montengrino Stevan Jovetic (che ha lasciato Firenze carico di speranze, ma ha avuto diversi problemi oltremanica). Un sacrificio pesante per l'Inter, che poi dovrebbe virare su Francesco Bardi, ora in prestito al Livorno, o su Michael Agazzi(in rotta col Cagliari perché non rinnova il contratto) per la porta.

2013-12-06T14:19:17.87+01:002013-12-06T14:25:00+01:00truetrue1006116falsefalse82Sport/sport4131049110062013-12-06T14:19:17.933+01:0010062013-12-06T14:31:14.587+01:000/sport/inter-lavezzi-061213false2013-12-06T14:30:28.92+01:00310491it-IT102013-12-06T14:25:00"] }
A- A+
Sport
handanovic modificato 1
 

"L'Inter? Queste sono cose che possono succedere nel calcio. Ci sono sempre delle possibilità nella finestra di trasferimento, è tutto normale". Ezechiel Lavezzi esce allo scoperto e rilancia le sue azioni in quota nerazzurra. L'attaccante esterno che Mazzarri ben conosce e che schiererebbe volentieri al fianco di Palacio per dar vita a una coppia veloce, tecnica e capace di non dare punti di riferimento alle difese avversarie (se poi si potesse usarli in appoggio di un Osvaldo o, almeno, di un Milito sano e disponibile per la seconda parte di stagione...).

Le parole del Pocho arrivano nel tentativo di sbloccare una situazione non semplice: pagato 28 milioni due estati fa ora non può essere svenduto nemmeno da un club ricchissimo come quello francese. L'Inter punta al prestito con diritto di riscatto (e deve pure risolvere la grana dell'ingaggio a 4 milioni di euro), ma da Parigi vorrebbero una cessione immediata o garanzie precise sul pagamento a fine stagione. Di certo il feeling tra Lavezzi e la squadra transalpina non è mai sbocciato in campo e lui è il primo a saperlo. "Farò di tutto per cambiare la mia situazione: non ho dato il meglio di me".

A centrocampo resta difficile Nainggolan (Juve ancora in vantaggio) e sembra allontanarsi l'opzione legata al brasiliano Fernando. Il Polpo (essendo un gran recupera palloni) infatti è più vicino al rinnovo di contratto con il Porto.

E poi c'è la voce più clamorosa: Samir Handanovic al Manchester City per avere il montengrino Stevan Jovetic (che ha lasciato Firenze carico di speranze, ma ha avuto diversi problemi oltremanica). Un sacrificio pesante per l'Inter, che poi dovrebbe virare su Francesco Bardi, ora in prestito al Livorno, o su Michael Agazzi(in rotta col Cagliari perché non rinnova il contratto) per la porta.

Tags:
interlavezzimazzarrithohir
in evidenza
Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto

Sfilata da sogno e... da ridere

Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
BMW accelera nella mobilità elettrica

BMW accelera nella mobilità elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.