A- A+
Sport
moratti galliani

Derby scontro totale. Moratti rincara la dose: "Nel dubbio penalizzano noi". Fa polemica anche Paolo Bonolis: "C'è una sceneggiatura già scritta, vogliono far arrivare terzo il Milan". Reazione sdegnata della società rossonera: "Fatto gravissimo". Anche Abete e Nicchi contro l'Inter: "C'è buona fede. Se uno non si fida, lasci il mondo del calcio. Intanto arriva l'apertura di Lele Oriali: "Potrei tornare in nerazzurro. L'ultimo anno io e Branca non ci parlavamo, ma insieme abbiamo lavorato bene".

LA TESI DEL COMPLOTTO - Quando c'e' una volonta' di colpire, comunque lo si fa". Lo ha detto il presidente dell'Inter Massimo Moratti, tornando su quanto accaduto in occasione del match con l'Atalanta. "Non ho cambiato idea, che poi sia arrabbiato o no, non ho cambiato idea" ha detto il presidente interista che gia' ieri dopo la gara aveva puntato il dito contro gli arbitri. "Non credo proprio di dover spiegare meglio. Basta vedere come sta andando questo campionato e soprattutto nei nostri riguardi. Quindi, quando c'e' una volonta' di colpire, comunque lo si fa". "Nel dubbio il rigore su Rocchi non si da', nel non-dubbio, perche' non e' esistito niente, il rigore contro di noi si da'. E comunque e' da 21 giornate che non vediamo un rigore" le parole di Moratti, che in merito alle accuse di Bonolis che tirano in ballo il Milan ha risposto: "Io non sono Bonolis, quindi... Credo che debba Bonolis poi rispondere a questo e al Milan. Ognuno puo' avere una sua opinione, come io ho la mia sul fatto del danneggiamento costante. E lui puo' avere quella. Siamo in un Paese libero in cui si possono dire queste cose. Mandare in campo la Primavera? "No, aiutare ancora di piu' no (sorride, ndr)". Moratti manda anche un messaggio ai calciatori: "Non bisogna essere cosi' fragili perche' altrimenti e' troppo facile" ed infine conferma l'addio dell'Inter alla Champions League: "Penso che ora sia difficile".

BONOLIS: "SCENEGGIATURA GIA' SCRITTA" - Non e' solo Massimo Moratti a non credere alla buona fede degli arbitri. Da sempre tifoso nerazzurro, Paolo Bonolis - intervenendo in diretta a Inter Channel - ha espresso il suo piu' totale disappunto per le scelte arbitrali che hanno contraddistinto la stagione dei suoi beniamini, in ultimo il rigore assegnato ieri all'Atalanta. "Il pretesto ormai e' chiaro, ci deve essere una sceneggiatura scritta che prevede un finale, quello del Milan che ha fatto investimenti e che vuole essere portato in Champions League" lo sfogo di Bonolis riportato dal sito ufficiale del club. "E' una commedia. E' palese - dice ancora Bonolis -. Sono decisioni che sono sicuramente prese a tavolino. Quando l'Inter sara' completamente disinnescata i rigori ce li daranno. L'importante e' disinnescare tutto quello che potrebbe compromettere il progetto di partenza di questa gigantesca commedia che vuole l'epilogo che ho detto. Le altre squadre sono comprimarie di scena, la sceneggiatura e' gia' stata scritta, sappiamo chi e' l'assassino, chi e' il vincitore, chi e' il perdente". "Io non ho mai sentito in tanti anni Zanetti protestare - prosegue - l'ho sentito protestare per Iuliano, per questa domenica. Ti scatta una malinconia che ti porta al disincanto. Ti disinnamori del meccanismo. Ci sono interessi talmente grandi che figurati se alcuni manipolatori non se ne impossessano. Io se fossi il presidente Moratti manderei in campo la Primavera. Non puoi piu' credere nella buona fede degli arbitri, e' tutta una commedia. E' talmente plateale che ormai devi proprio chiudere gli occhi per non vedere che dei rigori grossissimi ci vengono negati e altri inesistenti ci vengono dati contro. Questo ti immalinconisce".

MILAN REPLICA "GRAVI LE DICHIARAZIONI DI BONOLIS" - "Le dichiarazioni di Paolo Bonolis, rese a Inter Channel e diffuse dal sito ufficiale dell'Inter, oltre che prive di qualsiasi fondamento, appaiono di eccezionale gravita'". Cosi', in una nota pubblicata sul proprio sito, il Milan commenta l'uscita del presentatore tv e tifoso nerazzurro che, tornando sul rigore assegnato ieri all'Atalanta, ha puntato il dito contro i rossoneri.

ORIALI: "PRONTO A TORNARE ALL'INTER" - Lele Oriali, durante la trasmissione "Undici" su Italia 2 apre alla possibilità di un suo ritorno all'Inter. Le incomprensioni con Branca non sarebbero un ostacolo insormontabile. "Tornare a lavorare con lui non è impossibile", dice a Mediaset, "anche perché abbiamo lavorato bene insieme. L'ultimo anno però si arrivava a non salutarsi. Non contava però, l'importante è che le cose andassero bene. Poi la società ha scelto: mi ha amareggiato, ma ho rispettato la decisione pur non condividendola. Potrei anche tornare all'Inter, ma il calo che sta vivendo senza di me è una pura casualità".

Tags:
intermilanoriali
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.