A- A+
Sport
Naufragio Milan. Inzaghi: "Se fossimo andati in vantaggio.."

Inzaghi "Se fossimo andati in vantaggio...'" - "C'e' rammarico. Dovevamo andare in vantaggio, abbiamo avuto due occasioni clamorose ma se non riesci a segnare e prendi gol su corner poi e' difficile. Abbiamo avuto un paio di volte la possibilita' dell'1-1, comunque onore al Genoa. Abbiamo fatto un'ottima partita, si faceva fatica a giocare su questo campo e la squadra ha dato tutto quello che aveva. Dispiace tornare a casa senza punti ma guardiamo avanti. Ci e' mancato un po' di cinismo per metterci in una posizione che sarebbe stata vantaggiosa. Anche da sconfitte del genere si puo' trarre qualcosa di positivo. Venivamo da buone gare. Nel momento in cui dobbiamo fare quel salto ci manca qualcosa, ma rimbocchiamoci le maniche: contro il Napoli gia' domenica sara' dura". Lo ha detto Pippo Inzaghi commentando la sconfitta di Marassi contro il Genoa.

"Nel primo tempo volevamo stare accorti per sfruttare le occasioni che abbiamo avuto, con Menez Perin e' stato bravo, poi pero' abbiamo preso il gol e tutto e' cambiato - ha aggiunto il tecnico rossonero ai microfoni di Radio Rai e di Sky Sport -. Milan sul mercato? Non guardiamo a queste situazioni, pensiamo che abbiamo recuperato Montolivo dopo 6-7 mesi e ha fatto buoni 60'. Ora e' importante recuperare tutta la rosa, avremo Napoli e Roma e vedremo dopo cosa avremo raccolto. Ci siamo presentati due volte davanti alla porta da soli. Onore al Genoa, se abbiamo perso qualcosa non e' andato, lo analizzeremo e ora aspettiamo il Napoli per riprenderci subito". Parlando delle prove dei singoli, Inzaghi difende Menez, El Shaarawy e Honda. "Menez ha avuto delle opportunita', forse nella terza doveva metterla di prima, ma non mi piace dare colpe o cercare colpevoli. El Shaarawy e Honda? L'aggressivita' dei giocatori del Genoa e il campo che non ci permetteva il solito palleggio, questo ci ha creato dei problemi. Ci sono anche gli avversari. Comunque i ragazzi hanno dato tutto quello che avevano, guardiamo avanti", conclude.

Torres non pervenuto: dentro Pazzini e poi Niang. "Ho tanti attaccanti, devo provare un po' tutti", spiega poi ai microfoni di Mediaset. Sembra la bocciatura dello spagnolo. Sembra manchi la fiducia del tecnico. "Questo lo dite voi, lo pensate voi. Torres fino a due partite fa ha sempre giocato, ora ne ho provati altri, ma la mia fiducia nei suoi confronti c'è sempre".

Mercato, idea Diamanti per il Milan a gennaio - Il club rossonero sta pensando all'ex fantasista del Bologna, ora in forza al Guangzhou per sostituire Honda, in partenza a gennaio per la Coppa d'Asia (non sarà disponibile da inizio gennaio e rischia di tornare a fine febbraio). L'idea del Milan sarebbe di puntare al prestito non oneroso, visto che lo stipendio del 31enne (assistitio da Davide Lippi) si aggira attorno i 3,5 milioni di euro.

Gasperini, il Genoa punta in alto - "Abbiamo la consapevolezza che in certi tipi di partite riusciamo a esaltarci, fare cose importanti e dare soddisfazioni al nostro pubbloico. E' il Genoa migliore, i punti che abbiamo fatto sono tutti meritati". Cosi' Gian Piero Gasperini esalta il suo Genoa, capace di battere anche il Milan e salire al terzo posto solitario con 26 punti. "Parlare di salvezza con 26 puti e a 4 giornate dalla fine del girone d'andata...Se non sveniamo tutti quanti i punti li facciamo - sorride il tecnico del Genoa ai microfoni di Sky Sport -. Non ci possiamo porre obiettivi, ci sono tante squadre attrezzate, poi c'e' il mercato di gennaio, noi comunque cercheremo di continuare questa striscia".

Poi Gasperini si lascia andare un po', ricordando quando, qualche anno fa, il Genoa arrivo' quarto al pari della Fiorentina, mancando la Champions per una questione di scontri diretti: "Forse meritavamo piu' noi. Abbiamo fatto 68 punti, in quel Genoa c'erano Milito e Motta ed era un altro campionato, ma questa e' una squadra che, sotto l'aspetto della coralita' di gioco e di rosa e' forse piu' completa. Vedremo a fine campionato se sara' piu' forte o meno. Quello fu un campionato irripetibile". Contro il Milan, un Genoa pressoche' perfetto, tranne dopo il gol di Antonelli: "C'e' stato un momento di esaltazione dove e' venuta fuori l'adrenalina, anziche' giocare insieme abbiamo iniziato a giocare un po' individualmente, forse per la tanta carica che avevano i ragazzi. Ma e' stato un attimo, per il Milan e' stato difficile". Gasperini analizza poi le prestazioni di alcuni singoli: "Sturaro? E' un giocatore importante e molto giovane, venuto fuori l'anno scorso. Sta continuando a crescere e ha molti margini specie tecnicamente, ma e' un giocatore dalle doti importanti".

Quanto a Perotti, l'allenatore rossoblu' non ha dubbi: "E' un giocatore da grande squadra, aveva una valutazione importante un paio d'anni fa in una squadra importante come il Siviglia, poi ha avuto un paio di stagioni difficili anche per gli infortuni e ora che sta bene e' al livello di un grande giocatore, in Italia e' tra i migliori nel suo ruolo, anche a livello europeo. Sa giocare a calcio, sa attaccare e difendere, vede il gioco, salta l'uomo, difende la palla, e' un giocatore che siamo andati a trovarlo a condizioni di saldi e ce lo siamo accaparrati. Ti fa fare il salto qualita', oltre al gioco ci sono valori individuali importanti". Infine Bertolacci: "Ha 23 anni, e' ancora molto giovane. Quando sono arrivato era poco definito nel ruolo, ora sta proprio lievitando come personalita', ma non e' solo lui".

Ancora Antonelli, Genoa batte Milan e vola al 3^ posto - Il Genoa vola, il Milan si ridimensiona. Grazie a capitan Antonelli (al terzo gol di fila), i rossoblu' di Gasperini si impongono per 1-0 a Marassi e agguantano il terzo posto solitario a 26 punti. Giusta la vittoria del Genoa, il Milan - in crescita nelle ultime uscite - subisce una battuta d'arresto che deve far riflettere: dopo un discreto primo tempo, nella ripresa ha sofferto troppo, incassando con merito il primo ko lontano da San Siro. Pronti-via e percussione centrale di Menez, che ruba palla a Falque, taglia il campo ignorando l'inserimento di Montolivo (di nuovo titolare per la prima volta dal 18 maggio) ma il suo destro e' centrale.

Buono il ritmo, il Genoa colleziona corner ma Diego Lopez rischia poco, mentre Perin interviene sul colpo di testa di El Shaarawy (20'). Al 27' prima vera occasione del match: Menez ruba palla a Kucka e s'invola verso Perin, il destro del francese e' potente ma centrale, Perin addirittura blocca a terra. Piu' pericoloso il Milan, ma il gol lo fa il Genoa: con Antonelli, che di testa su angolo di Perotti anticipa Bonera e infila la sua terza rete di fila. Reazione Milan: Roncaglia salva su De Jong, Perin se la cava su Mexes dopo un'uscita un po' cosi', Antonelli chiude sul taglio di Montolivo servito da Menez, quindi ancora Perin in presa bassa su Bonaventura. Prima dell'intervallo pero' il Genoa si avvicina a fare bis: Armero salva su Bertolacci ma 'serve' Perotti, ci mette una pezza sulla linea Rami a Diego Lopez battuto. Dagli spogliatoi rientrano gli stessi 22, e un Perotti ancora scatenato, autore di un paio di serpentine che mettono in crisi la difesa rossonera. Il Genoa appare in pieno controllo, Inzaghi prova a dare una scossa ai suoi con Poli e Pazzini per Montolivo e Honda. Perin e' pressoche' inoperoso, mentre al 33' un destro di Roncaglia sibila alto sulla traversa. E' Niang l'ultima carta di Inzaghi (fuori El Shaarawy, niente da fare per Torres), all'89' la palla buona arriverebbe sul destro di Bonaventura ma l'ex Atalanta la spreca, con un tiro alto da ottima posizione. E' l'ultima emozione di una partita che il Genoa porta a casa con merito: Gasperini puo' sognare la Champions, Inzaghi ancora no.

Tags:
inzaghigenoa milanboneramenezel shaarawy

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.