A- A+
Sport
jovetic

"Jovetic? Siamo ancora fermi a parlare con il suo procuratore, con grandissima serenita'". L'ha dichiarato il ds della Fiorentina Daniele Prade' a margine della presentazione di Sissoko, parlando del momento non semplice del giocatore tecnicamente piu' forte della rosa viola. "La sua apertura nei nostri confronti (il giocatore dichiaro' un mese fa in un'intervista che erano al 50% le sue possibilita' che vestisse anche la prossima stagione la maglia viola, ndr) la voglio vedere ancora come un passo in avanti".

"Bisognera' vedere anche da qui alla fine dell'anno quale sara' il nostro piazzamento, dove arriveremo, quali saranno i nostri obiettivi. Stevan per noi non e' un problema, non e' assolutamente un caso nel nostro spogliatoio. E' un calciatore che dobbiamo fortemente preservare perche' e' veramente forte, e come tutti i calciatori puo' avere un periodo di appannamento. Se andiamo a vedere i dati di corsa e di impegno, sta dando il 100%. Non lo vediamo assolutamente come un caso". Ovviamente Juventus, City e le grandi d'Europa restano più che mai in agguato su un giocatore che potrebbe essere uno dei crack del prossimo mercato.

Articolata l'analisi di Daniele Prade' sulle ultime sessioni di calciomercato in casa Fiorentina. "Il nostro a gennaio e' stato un mercato indirizzato.- ha aggiunto -. La nostra e' una programmazione a medio-lungo termine, e cosi' e' stato, acquistando venticinque giocatori in entrata fra il mercato invernale e quello estivo. Le operazioni piu' grandi dello scorso mercato europeo sono state quelle di Balotelli al Milan e quello nostro con Giuseppe Rossi. Abbiamo dei colpi in testa ma fanno parte di una programmazione che abbiamo con la societa'. Questa e' una stagione dove dovevamo avere un'identita' e un gioco e questo lo stiamo facendo".

"Tranne la partita con la Juventus, che in pratica non l'abbiamo giocata, gli altri risultati hanno tutta una storia particolare". Il direttore sportivo viola e' tornato proprio sulla sconfitta di sabato scorso contro i bianconeri guidati da Antonio Conte. "Personalmente dopo la gara contro la Juventus ho avuto una grande delusione, che e' proseguita anche il giorno dopo. La nostra squadra pero' e' stata costruita ex novo, era la prima volta che giocavamo in un campo veramente internazionale, perche' lo 'Juventus stadium' impone un po' di timore. Ci e' mancata l'abitudine a giocare in uno stadio del genere, e ci siamo sgretolati al momento del primo gol subito. Non dimentichiamoci che la stessa Juventus e' stata costruita in tre anni, e il primo anno e' arrivata sesta o settima".

Tags:
joveticpradècalciomercatogiuseppe rossi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.