A- A+
Sport
vidal vucinic

“Il fatto di trovarci a 18 punti sopra al Milan è sicuramente motivo di grande soddisfazione, e un grande plauso va ai ragazzi perché non era facile perché anche con otto punti di vantaggio qualche pensiero brutto ti viene soprattutto dopo la vittoria del Napoli a 30 secondi dalla fine”. Conte mette in ghiaccio lo scudetto dopo l’1-0 sui rossoneri, ma ancora frena. “Il mio futuro? Concentriamoci sul titolo”. Asamoah: “Amelia mi diceva di non avermi preso”. Chiellini: “Sentivo discorsi assurdi su favori al Milan...”. Le pagelle di Affari: Pogba dominatore (voto 7+) mentre Pirlo e Marchisio (voto 5) sono in affanno. Bonucci sporca la perfezione del trio difensivo, ma...

PROMOSSI E BOCCIATI, JUVE

Di Giordano Brega

BARZAGLI-CHIELLINI-BONUCCI, VOTO 7,5. Non passa neppure un filo di vento nella cerniera che costruiscono davanti a un Buffon (voto 6) quasi inoperoso, se non per qualche velleitario tiro da lontano dei centrocampisti rossoneri. Giusto una dormitina di Leo, che si fa soffiare palla da Pazzini sul finire del primo tempo, sporca una gara quasi perfetta del trio.

POGBA, VOTO 7+. Dominatore del centrocampo per fisico, tecnica e personalità. Svetta sulle maglia rossonere e pure nel confronto con i compagni di squadra, sorreggendo la mediana della Juve, anche quando nella prima ora di gioco si nota un Pirlo non propriamente pieno di verve (voto 5,5) e un Marchisio nettamente sottotono (poco dinamismo, quasi nulli gli inserimenti, voto 5).

VIDAL, VOTO 7. Trasforma il rigore calciando al limite dell’umana perfezione. Premio (e sangue freddo) in un macht che lo vede protagonista per nerbo e corsa.

 

chiellini el shaarawy

ASAMOAH VOTO 6. Spaesato e timido, ma la difesa del Milan lo elegge uomo partita regalandogli un rigore su un inserimento senza palla che a prima vista pareva pure senza speranza. Ma la premiata ditta Abate&Amelia ci mettono lo zampino.

LICHTSTEINER VOTO 6+. Magari non dà la sensazione di sfondare il muro rossonero, ma corre tantissimo e nella sua zona vigila bene. Lo si nota ancor più quando negli ultimi minuti lascia il posto a Peluso e facendo rimpiangere la sua uscita dal terreno di gioco.

VUCINIC VOTO 5. Per nulla incisivo, giochicchia qualche pallone finendo per irretire il pubblico che arriva anche a fischiarlo. Notte di scarsa ispirazione. Qualche sussulto dopo il gol della Juve, ma la sveglia non arriva mai e nel finale cede il posto a Quagliarella.

IL POST PARTITA

CONTE: “ORA CHIUDIAMO I CONTI CON LO SCUDETTO. IL MIO FUTURO? CONCENTRIAMOCI SUL TITOLO” - Amelia contesta il rigore fischiatogli conto nell’uscita su Asamoah... “Era inevitabile che Amelia volesse difendere un pochettino il suo operato. Non penso che ci siano particolari dubbi su questo episodio. E’ inevitabile che da parte sua ci sia amarezza perché questo episodio ha deciso una partita equilibrata in cui abbiamo dovuto faticare, in cui il Milan ha tenuto bene il campo ed era la squadra imbattuta nel girone di ritorno”, spiega Antonio Conte ai microfoni di Sky. E sottolinea: “Il fatto di trovarci a 18 punti sopra di loro è sicuramente motivo di grande soddisfazione, e un grande plauso va ai ragazzi perché non era facile perché anche con otto punti di vantaggio qualche pensiero brutto ti viene soprattutto dopo la vittoria del Napoli a 30 secondi dalla fine. Nel primo tempo ci è venuta un po’ di ansia e un po’ di nervosismo. E’ la sesta vittoria consecutiva e sento parlare di Scudetto da sei partite. E dopo queste sei vittorie siamo a undici punti di distacco dal Napoli e adesso a più diciotto dal Milan. Complimenti a questi ragazzi, c’è da parte nostra voglia di chiudere i conti perché vogliamo anche un po’ rilassarci, visto che è stata un’annata molto dura. A me interessa chiudere i conti, dove, quando e con chi per noi non conta. Sappiamo le insidie che una stracittadina porta ma da parte nostra c’è voglia di fare grandi cose così come avrà voglia il Torino di batterci nel derby. Dobbiamo fare 4 punti e prima li facciamo e meglio è.

Quando ha cominciato a pensare seriamente che lo Scudetto era vicino? Conte sarà al 100% l’allenatore della Juventus anche nella prossima stagione?

“Concentriamoci sulla prima domanda che è la cosa più importante. Sto ripetendo ai ragazzi partita dopo partita che ogni volta è un pezzo di Scudetto. I ragazzi mi chiedono: “Ma questo Scudetto quanto è grande?”. Questo è sicuramente è un passo non decisivo. Vado a ritroso. Se di queste ultime sei partite ne avessimo pareggiate anche solo due, avremmo il Napoli a sette punti. Chi sta davanti ha il vantaggio di non dover guardare gli altri perché basta vincere, però bisogna vincere. Siamo al 110% concentrati sull’obiettivo perché sarebbe straordinario conquistare il secondo Scudetto a questi ritmi. Ringrazio i ragazzi perché stanno facendo veramente qualcosa d’importante, vincere non è mai facile, diventa facile se lavori con abnegazione, voglia e i miei ragazzi lo fanno quotidianamente”.

Le posizioni del tecnico e quella della società sembrano un po’ inconciliabili sul futuro. Dopo il Bayern hai detto che non si possono costruire i grattacieli con i secchielli e le palette. Marotta ha detto che si vuole continuare a vincere rispettando i parametri economici e rispettando i costi. Solo apparentemente sono due posizioni lontane? “Io ho risposto a una domanda perché qualcuno mi ha chiesto se dovevo aspettare di vincere il campionato per programmare il futuro. Io ho risposto: “Il futuro o eventuali obiettivi ci stanno e uno magari ci parla o ha già parlato”. E’ inevitabile che il discorso economico viene prima di tutto. Vincere non capita sempre, questo sia chiaro. Se lo facciamo quest’anno sono due anni, senza spendere o spendendo il giusto. E’ inevitabile che si farà di necessità virtù e si faranno le giuste valutazioni a fine annata sotto tutti i punti di vista”.

ASAMOAH: “IL RIGORE? HO DETTO AD AMELIA CHE MI HA PRESO” -“Si vede bene in tv che mi ha preso. Non è una cosa volontaria, mi ha preso entrambi i piedi", spiega il centrocampista della Juve. "Lui mi ha detto ‘Asa non ti ho preso’. Io gli ho risposto che mi ha preso bene, e si vede’...".

CHIELLINI: “SENTIVO DISCORSI ASSURDI SU FAVORI PER FAR ANDARE IL MILAN IN CHAMPIONS...” "Mancano quattro punti, siamo consapevoli di essere vicini al traguardo e di averlo alla nostra portata, però bisogna farli. Siamo contenti perchè oggi sapevamo che sarebbe stata una partita molto difficile, perchè il Milan è una grande squadra, aveva voglia di dimostrare di essere alla nostra altezza, abbiamo sofferto nel primo tempo per un atteggiamento un po' troppo passivo e lento; nel secondo tempo abbiamo cambiato marcia e pur non facendo cose trascendentali, li abbiamo punti alla prima occasione e poi tutto sommato amministrato bene la partita", spiega il difensore bianconero ai microfoni della Rai. Una vittoria per ribadire la superiorità su questo Milan? "No, noi ci tenevamo a vincerla per avvicinarci al nostro grande traguardo che è lo Scudetto. Avevo letto ragionamenti assurdi, come il voler togliere la Champions a loro, fargli fare i preliminare, discorsi che non stanno nè in cielo nè in terra. Noi dobbiamo pensare a noi e l stesso faremo domenica, dove non penseremo certo a voler festeggiare o meno lo Scudetto in casa del Torino, ma semplicemente a fare una grande partita. Sicuramente il derby è una partita speciale per tutta la città, è una partita da tripla e noi andremo per vincerla, come sempre, senza altre dietrologie o discorsi".

Tags:
juventusscudettoconte
Loading...
in vetrina
Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Fase 2, gli sconfitti sono i cani Nostalgia delle uscite in lockdown

Coronavirus vissuto con ironia

Fase 2, gli sconfitti sono i cani
Nostalgia delle uscite in lockdown


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida

BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.