A- A+
Sport
Juve, un punto allo scudetto. Allegri: "Lo si perde con un... miracolo"

Milan umiliato dal Genoa. Inzaghi vicino all'esonero: "Io non mollo"

Ecco l'offerta che Mr.Bee ha presentato nel vertice di Arcore a Berlusconi

"E' una vittoria importante. A questo punto servirebbe un miracolo al contrario per perdere lo scudetto, serve un punto che dobbiamo prendere a Genova visto che abbiamo perso le ultime due trasferte, a Parma e contro il Torino. Complimenti ai ragazzi, hanno fatto una stagione straordinaria, abbiamo 14 punti di vantaggio, ne manca uno, dobbiamo essere bravi a prenderlo sabato e ci prepareremo al meglio per grandi sfide. Sono molto contento per la squadra, ci tenevamo a tornare alla vittoria". Massimiliano Allegri commenta cosi' il 3-2 alla Fiorentina che consente alla sua Juve di 'toccare' lo scudetto. Manca un punto ai bianconeri per il quarto titolo di fila: "La vittoria di stasera ci consente di affrontare le ultime partite con serenita' e tranquillita', quando arrivi li' e ti manca un pezzetto per vincere hai quel pizzico di ansia di voler arrivare al traguardo - spiega l'allenatore toscano ai microfoni di Sky Sport -. Era difficile preparare la partita di stasera o il derby, e' fisiologico avere un calo di attenzione e tensione, questa squadra poi ha parecchi giocatori non a disposizione. Penso ad Asamoah, a Caceres, Romulo...Credevo di fare un ottimo lavoro, questo gruppo ha ottimi valori morali e tecnici, ma gente come Padoin e Sturaro, lo stesso Coman che ha fatto bene, o Pepe, fa la differenza".

Allegri ammette che stasera tutto e' filato per il verso giusto: "Il calcio e' strano, perche' se prendevamo il 2-2 su rigore magari finiva in un altro modo, con il Torino meritavamo di piu' e abbiamo perso. E' una vittoria meritata, senza togliere meriti alla Fiorentina, a cui auguro di arrivare in finale di Europa League assieme alla Fiorentina", aggiunge Allegri, guardando gia' alla semifinale di Champions League con il Real Madrid: "Pogba domani fara' un altro esame, si sta allenando molto bene, se non ci saranno problemi sara' con la squadra la prossima settimana e sara' a disposizione per il ritorno, anche se non gioca da due mesi. Il Real? Non credo giochera' all'italiana, neanche noi ci giochiamo, il Real ha cosi' tanta tecnica che se non giochi bene e fai la partita perfetta le possibilita' di andare in finale si riducono di molto", conclude.

Buffon, "scudetto? sento un buon profumo" - "Siamo estremamente vicini al traguardo. Siamo stati bravi finora, lo siamo stati ancora di piu' stasera, non era facile in vista dell'impegno di sabato e soprattutto di martedi', ma siamo riusciti a recuperare e vincere con testa e tranquillita'. Se mi sento gia' campione d'Italia? No, se vediamo l'almanacco lo scudetto ancora non ce l'hanno assegnato, sento un buon profumo ma non ho ancora visto la torta". Cosi' Gigi Buffon, ai microfoni di Sky Sport, commenta la vittoria per 3-2 sulla Fiorentina che per la Juventus significa praticamente scudetto: manca solo un punto ai bianconeri per centrare il quarto titolo di fila. "C'e' tanto di Allegri, che e' il nostro allenatore, ci guida, da' idee e gestisce il gruppo - spiega il portiere della Nazionale -. Ha ereditato un bel gruppo con grandi valori morali e qualita', e' stato facilitato in un compito difficilissimo, perche' chiunque al posto di Conte avrebbe trovato una strada ardua". Il destino di Tevez e Pogba e' in bilico: "Parlo tutti i giorni con Carlos e Paul, ma credo sia ancora presto, non hanno preso decisioni e se vedo le prestazioni di Carlos (doppietta per lui, ndr) dico che questa incertezza gli fa bene", sottolinea Buffon che conclude: "Che scudetto e'? Non lo so, posso dire che ho festeggiato otto volte in A e una in B, nove volte in 14 anni".

Tags:
juvescudettoallegri
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.