A- A+
Sport
Livaja ("Italiani bastardi") si scusa, ma l'Atalanta lo rimanda all'Inter. E poi...

Malgrado le scuse, sui social network l'attaccante è stato duramente condannato dai tifosi. L'Atalanta non ha gradito il suo atteggiamento e la multa salata è quasi logica conseguenza. Livaja per ora resta a Spalato, di fatto è ai margini della rosa di Colantuono e a fine stagione sarà rimandato all'Inter, che, a sua volta, vorrebbe cederlo all'estero. Lo scorso anno venne fuori rosa per una lite con Ivan Radovanovic.

Le scuse di Livaja - Marko Livaja si scusa. Dopo la lite con i tifosi dell'Atalanta al momento della sua sostituzione durante il match con il Verona, l'attaccante croato, nel giorno di Pasqua e sul suo profilo facebook ("Italiani bastardi"), ha chiesto scusa anche per i suoi successivi commenti sempre sul social network. "Scrivo queste poche righe per scusarmi con tutti quelli che si sono sentiti offesi, ma ho perso la testa nei confronti di quei pochi tifosi che hanno pesantemente offeso mia madre - spiega l'attaccante dell'Atalanta - Pochi 'razzisti' che mi hanno chiamato zingaro con insulti ancora piu' gravi legati anche alla mia nazionalita'. Mi auguro di non avere piu' queste reazioni, ma spero anche di essere criticato solo per le mie prestazioni sul campo. Colgo l'occasione - chiudeva il suo messaggio Livaja - per fare a tutti gli auguri di una serena Pasqua".

Tags:
livajaatalantarazzismo
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.