A- A+
Sport


 

Fabrizio MiccoliFabrizio Miccoli

Di Pietro Mancini

Se l'ex tesserato del Palermo calcio, Fabrizio Miccoli, in una conversazione con un pregiudicato siciliano, intercettata dagli inquirenti, ha offeso la memoria di Giovanni Falcone, definendolo "fango" , il Presidente della FIGC, Giancarlo Abete, deve, immediatamente, sospendere dall'attività il calciatore leccese.
 Miccoli, accusato di aver incaricato un boss di recuperare una somma di denaro, prima che un calciatore, è un cittadino. E non può essere consentito a lui, come a nessuno, di insultare, post-mortem, un eroe anti-mafia, come fu Giovanni Falcone, trucidato, con la moglie e la scorta, a Capaci, dallo spietato settore stragista di Cosa Nostra.
 
Scatti, dunque, la sospensione del calciatore, in attesa che gli inquirenti decidano se rinviare a giudizio meno l'ex attaccante del Palermo. E il nuovo allenatore del Palermo, Gattuso, censuri il giocatore, con parole severe. In casi come questi, vanno banditi il buonismo e la tolleranza
 

Il calcio non è, nè deve considerarsi, un settore separato dalla società. E deve reagire, individuando e stroncando le collusioni con i personaggi più screditati  e gli ambienti più inquinati delle tifoserie tra i quali, nel capoluogo siciliano, figurerebbero degli inquietanti picciotti.
 

Tags:
miccolifalcone
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.