A- A+
Sport
miccoli

"Sono contento, ne stiamo parlando. Stiamo valutando diverse cose, ma stiamo ancora trattando. Ancora non ho firmato. Non posso dire assolutamente niente. Solo che sono stati fatti passi in avanti. E che non dovrebbe mancare tanto". Cosi' Fabrizio Miccoli in conferenza stampa ha parlato della trattativa relativa al suo rinnovo contrattuale con il Palermo. Il capitano dei rosanero e' intervenuto in conferenza stampa all'indomani dell'annuncio di Maurizio Zamparini, proprio a proposito della trattativa per il prolungamento biennale dell'accordo che li lega. A chi gli ha riportato le parole del patron secondo cui non gli e' stato proposto prima il rinnovo per non farlo rilassare troppo, l'attaccante salentino ha risposto: "Puo' dire quello che vuole, e' il presidente e fa le sue scelte, io faccio le mie. Non mi sono sentito piu' motivato, assolutamente". E ammette che si è guardato in giro: "Non nascondo che dalla fine del mercato fino a ora ho parlato anche con altre squadre perche' mi sono visto fuori dal progetto. Ma sono realista, a giugno faccio 34 anni e ho voglia di giocare altri 2 anni. Mi sono guardato intorno perche' ho ancora voglia di giocare". Miccoli comunque assicura che la volontà è di restare: "Mi hanno cercato diverse squadre, pero' poi quando si tratta e si parla di Palermo per me viene azzerato tutto. Certo mi sarei aspettato la trattativa in una situazione diversa. Con la squadra in posizioni piu' tranquille, ma ora dobbiamo pensare solo alla salvezza".

"Se credo alla salvezza? Ci dobbiamo credere tutti, non deve crederci solo il capitano. Penso che da quando gioco, non ho mai visto quello che e' successo quest'anno: una squadra che perde almeno 10-12 punti negli ultimi minuti per motivi diversi, come e' successo a noi, non l'avevo mai vista. Per non parlare dei rigori o delle altre cose non viste che hanno determinato i nostri risultati".

"A Cagliari per esempio abbiamo preso gol ingiustamente. Poi io mi sono alzato come ha fatto tutta la panchina - prosegue Miccoli - e hanno deciso di squalificare me per 2 turni. Sul referto poi il quarto uomo ha scritto che ho detto una cosa direttamente a lui con sguardo minaccioso. E per questo motivo non ho potuto fare ricorso. Ma dire che siamo gia' retrocessi no. Puo' succedere di tutto, abbiamo il dovere di crederci. Poi alla fine tireremo le somme e andremo avanti o in una categoria o nell'altra. Per forza di cose ora dobbiamo pensare solo alla salvezza. Fino a quando la matematica non dice che non c'e' piu' nulla da fare, dobbiamo lottare per salvarci".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
miccolizamparinipalermo
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Kia svela la nuova generazione della Niro

Kia svela la nuova generazione della Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.