A- A+
Sport

Il futuro di Massimiliano Allegri e' ancora tutto da definire, ma Adriano Galliani, a Tbilisi per la gara dell'addio al calcio di Kaladze, non ha voglia di parlare del destino del tecnico rossonero. "Non fatemi parlare dell'allenatore - dice l'ad sorridendo secondo quanto riportato dal sito internet del Milan -, presto ci sara' un incontro. E' possibile anche domenica".

Del resto lo stesso presidente Berlusconi stamane aveva annunciato che "entro domenica sera" ci sarebbe stato un incontro con Galliani "e da li' - ha proseguito il presidente - verra' fuori la soluzione. Non sara' una soluzione difficile da trovare se tutti andranno nella direzione di mettersi una mano sulla coscienza e scegliere il meglio per il Milan". Galliani ha affrontato anche altri temi: "sono fiero del fatto che il Milan indossi la scritta il 'Club piu' titolato al Mondo' ancora per un altro anno". Tornando al capitolo allenatori, l'amministratore delegato del "Diavolo" ha confermato che "l'anno prossimo Inzaghi allenera' la Primavera. Nella sua storia, anche in epoche diverse fra loro, il Milan ha sfornato molti allenatori, penso a Trapattoni, a Donadoni, a tanti altri". Poi un pensiero anche alle novita' nelle panchine della prossima stagione. "Gli arrivi di Mazzarri all'Inter e di Benitez a Napoli hanno alzato il livello della competizione", ha assicurato Galliani che poi si e' dedicato al ricordo del Kaladze milanista.

"Di lui ricordo il gol nel derby del 2006 che mi ha fatto esultare tanto. Penso che non succedera' piu' che un calciatore georgiano faccia 3 finali di Champions League. Il suo coinvolgimento in politica e' iniziato da calciatore, aveva chiesto consiglio al presidente Berlusconi. Sta facendo cose buone, fara' bene per questo Paese. E' la prima volta che un giocatore del Milan diventa vicepremier". In campo in Georgia, nella formazione "Milan Glorie", giocatori come Baresi, Maldini, Serginho, Inzaghi e Shevchenko oltre allo stesso Kaladze che dovrebbe giocare anche nell'altra squadra, la "Friends4Kaladze" che schiera, tra gli altri, Fabio Cannavaro, Couto, Grosso, Toni e Arveladze.

Intanto però Barbara Berlusconi è pronta a "scalzare" l'ad rossonero. "Mi dispiace per Adriano, ma devo dare ragione a Barbara. Non può essere lui a scegliere chi allena il Milan", ha detto Silvio. I rapporti tra Silvio Berlusconi e Galliani, l'amministratore delegato del Milan, non hanno mai toccato una fase tanto negativa. La figlia dell'ex premier punta al posto di ad e a un ruolo per Maldini. Il Cavaliere irritato con il dirigente ma non vuole umiliarlo.

-----------------------------------

IL COMMENTO
Se salta Allegri, la Roma rodovrà approntare in tutta fretta un piano B. Ci sono ancora tecnici di valore disponibili : Bielsa, Blanc, Rudi Garcia, Mancini, Panucci. Sono tanti i nomi fatti negli ultimi giorni. C’è perfino Ancelotti ancora non ufficializzato dal Real Madrid. Sul fronte giocatori, ecco gli obiettivi gialorossi: un portiere (Rafael), due esterni (si lavora per Basta), almeno un mediano (trattativa in corso con il Cagliari per Nainggolan) e una punta (tra le idee Matri e Thereau). Gli incedibili ? Totti, Marquinhos, Lamela e Destro. Quanto alla telenovela del "conte Max", sempre in bilico tra Roma e Milano, sta diventando noiosa. A Belpietro Berlusconi ha detto : "Domenica incontrerò l'allenatore. Mettiamoci tutti una mano sulla coscienza e sceglieremo il meglio per il Milan".

Condivisibile il commento, stamane, di Dallera, capo delle redazione sportiva del "Corriere della Sera" :"Quando si discute di contratti, il portafoglio è più utile della coscienza....E' una recita, che infastidisce ben 2 tifoserie, quelle del Milan e della Roma. Che futuro può avere un tecnico, sfiduciato, pubblicamente, dal suo allenatore ?". Berlusconi, evidentemente, come in politica, intende decidere da solo, non tenendo conto dell'orientamento, favorevole alla riconferma del livornese, espresso dalla maggioranza dei tifosi e da Galliani.

E' suo diritto farlo. Ma sorprende che un uomo di sport, come Silvio, da sempre in sintonia con gli umori della gente, non trovi il tempo non per una delle famose "cene eleganti", con le olgettine, ad Arcore, ma neppure un'ora per parlare e congedarsi, civilmente, da un professionista, che non ha ancora neppure ringraziato per il terzo posto e l'accesso del Milan alla Champions' League, con una squadra, tutt'altro che imbattibile, plasmata e ben guidata, dopo un avvio disastroso. Insomma, Allegri trattato peggio di uno Scilipoti qualunque ! Il candidato alla successione di Max, l'ex giocatore del Miloan, Seedorf, non ha i requisiti per sedere in panchina. Ecco perchè, nelle ultime ore, è circolato, con insistenza il nome di Billy Costacurta, come assistente dell'olandese e abilitato a guidare i rossoneri.

Pietro Mancini

Tags:
milangallianiberlusconi
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.